L’angolo della Poesia

Scampagnata

A primavera, tiempo ‘e scampagnate,

‘a mamma chiamma ‘a figlia: Abbada a te,

nun t’appartà, sta sempe ‘nzieme a ll’ate

ca ‘a tentazione fa cucù-e-settè;

nun te stènnere ‘n terra ‘ncopp’ ‘o prato

c’ ‘o nnamurato tuio dint’ ‘e campagne;

l’ammore è traditore e fa peccato …

Sì tu te stiènne ‘n terra, mamma chiagne!

A primma sera, ‘o sole già acalàto,

‘a figlia torna allera, ll’uocchie ‘e gioia,

  • Mamma, le dice, stiso ‘ncopp’ ‘o prato

Isso s’è miso: chiagne ‘a mamma sòja! …

(L. Lupoli)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.