Astrologia

Affinità di coppia del Segno dell’Acquario con gli altri segni.

Acquario-Toro

Lei cade nella sua rete.

Il venusiano è troppo pigro per fare a una donna una corte serrata, ma è ugualmente un seduttore. All’affettuosa acquariana appare come un’anima candida e timida, bisognosa di essere incoraggiata. Così si arriva ad un felice matrimonio rallegrato dai figli (voluti da lui).

Succede piuttosto spesso che un lui Toro e una lei Acquario si innamorino. Non certo per merito dell’iniziativa di lui però. Infatti il Toro è un pigro edonista cui non piace impegnarsi in frenetiche battute di caccia per conquistare le donne. Ma non è insensibile al fascino muliebre. Anzi, ne è un convinto estimatore e fruitore. Ma non deve darsi da fare per attrarre le donne come api sul miele. Sornione e consapevole del proprio fascino per via dell’indubbio narcisismo venusiano, si acquatta tranquillo in luoghi strategici e poi aspetta paziente le prede.

In questa trappola l’incauta Acquario cade con estrema facilità. Infatti lei, che va in visibilio quando crede di aver individuato deboli o diseredati bisognosi della sua difesa, rischia di fraintendere. Cioè di scambiare l’astuta indolenza di lui con il tormento silenzioso di un’anima candida. Così convinta che gli occhi di lui, dal dolcissimo sguardo venusiano, rivelino segrete ma timide aspirazioni a felicità adamantine, si entusiasma e decide di renderlo felice. A questo punto, è già praticamente in balia del Toro. Perché, appena lui si scuote dal suo torpore e comincia a farle quella dolcissima corte che è la specialità dei venusiani del secondo segno, la “fredda” Acquario non ha scampo. E ben presto finisce col perdere la trebisonda sotto l’incalzare di sguardi sempre più malandrini, di carezze lievi ma provocanti, di galeotte cenette. Fino ache, catturata dalla rete d’intimità che lui le costruisce intorno, gli cade fra le braccia. E, se già non lo era, finisce con l’innamorarsi senza via di scampo. Perché i razionali (e l’Acquario lo è, come s’addice a una nata in un segno d’Aria) sono destinati a soccombere quando qualcuno ha l’abilità di trascinarli nelle onde della passione. Proprio questo è l’obbiettivo che si prefigge il Toro. E che, puntualmente, riesce a raggiungere. Infatti il suo istinto di pigro e abile predatore ha capito fin dall’inizio che, per avere il meglio dall’uraniana, bisogna avere l’astuzia di attizzare i suoi ardori e di evitare che i lumi della ragione acquariana riprendano il sopravvento. Individuata la strategia vincente, il Toro l’applica quindi con dolci e sensuali arti venusiane. Così riesce senza fatica a fare dell’Acquario un’attiva, partecipe compagna.

Ma questo non significa affatto che, fra loro, tutto sia destinato a filare liscio. Soprattutto se decidono di vivere insieme e, magari, arriva anche qualche marmocchio. A proposito c’è da dire che lei non è animata dal sacro fuoco della maternità. Forse preferirebbe dedicarsi part-time all’infanzia (nel senso di porzione d’umanità sopraffatta e bistrattata) piuttosto che farsi fagocitare ventiquattr’ore da una carne della propria carne urlante, affamata, bisognosa di cure assidue e di frenetici cambi di pannolini. Ma lui no, i figli li vuole, eccome. Perché per il Toro l’amore è vita. Ma vita è procreazione. Allora, se lui le “impone” la maternità, deve essere comprensivo. E ripagarla mettendo generosamente mano al portafogli. No, non per sommergerla d’oro e vestiti firmati, ma per garantire la costante collaborazione di golf e baby sitter. Così lei non rischia di vivere la famiglia come una realtà angusta che le tarpa le ali. E, soddisfatta di avere incombenze e doveri che le appaiono più come una scelta che come una costrizione, vi si adegua volentieri. Contenta di avere la possibilità di concedersi degli spazi di vita da godere in assoluta libertà.

Certo, c’è il rischio che, geloso com’è, il Toro commette l’errore di voler controllare i movimenti acquariani. Ma il tarlo del dubbio che l’autonomia acquariana sfoci nell’infedeltà è lo scotto che il venusiano deve pagare alla felicità coniugale. Perché, se lei si accorgesse di essere sorvegliata, vivrebbe la cosa come un’intollerabile infamia. Non è certo lei quella più esposta alla tentazione di … sconfinare al di là dei sereni pascoli familiari. L’Acquario questo lo sa. allora non si può darle torto se diventa intollerante quando il Toro, dopo aver dimenticato di tenere a freno le brame venusiane, si permette anche di inquinare con infondati sospetti le caste libertà acquariane. Senza contare che dimostra anche di non conoscerla bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.