La favola del giorno

Le soprascarpe della felicità – 5

Se fossi ricco!

Se fossi ricco! Un giorno mi son detto

………………………………………………………

Sì queste sono le poesie che si scrivono quando si è innamorati, ma se si ha un po’ di buon senso ci si guarda bene dal pubblicarle. Il grado di tenente, la povertà e l’amore formano un triangolo, o meglio, una metà del dado spezzato della felicità. Il tenente lo sapeva bene e perciò, appoggiando la testa al davanzale della finestra, sospirò profondamente e disse tra sé:

“Quel povero guardiano notturno giù per la strada è molto più felice di me; Non immagina neppure ciò di cui sento la mancanza! Ha una casa, una moglie e dei bambini che piangono con lui del suo dolore e si rallegrano della sua gioia. Sarei più felice di quello che sono se potessi subito cambiarmi in tutto e per tutto con lui, che è certamente più fortunato di me!”

In quello stesso momento il guardiano tornò ad essere guardiano; era divenuto tenente per merito delle soprascarpe della felicità, ma, come si è visto, era subito stato ancor meno contento di rima e aveva desiderato di essere quello che poi era in realtà. Così il guardiano tornò di nuovo ad essere guardiano.

“Che brutto sogno! – si disse. – Ma era anche strano in fondo! Mi sembrava di essere il tenente, quello che abita lì su, ma non ero davvero soddisfatto di esserlo! Sentivo la mancanza di mia moglie e dei marmocchi, che son sempre pronti a soffocarmi di baci”.

Si sedette di nuovo, con la testa penzoloni; il sogno non gli si levava dalla mente, e aveva ancora le soprascarpe ai piedi. In quel mentre il cielo fu solcato da una stella filante.

  • E’ caduta, – esclamò il guardiano, – ma ce ne sono ancora tante lassù! Mi piacerebbe veder quelle cose più da vicino, specialmente la luna, perché quella non può davver sgusciar tra le dita! Quando moriremo, ha detto a mia moglie lo studente al quale lei fa i servizi, voleremo da una stella all’altra. E’ certo una bugia, ma sarebbe bello se fosse così. Se potessi solo fare un salto lassù, non mi importerebbe di lasciare il corpo qui sulle scale!

Ma bisogna esser molto prudenti nel formulare certi desideri, e tanto più cauti bisogna essere quando si hanno ai piedi le soprascarpe della felicità. Guardate un po’, infatti, cosa capitò al guardiano!

Continua domani.

3 pensieri riguardo “La favola del giorno

  1. Ciao Cosimo. Espero que tu día fuese tranquilo y feliz. No alcancé a leer la continuación antes, nunca se con exactitud a qué hora podré leer lo que me gusta, mis horarios suelen cambiar. Me ha encantado, cuando le dice que tenga cuidado con lo que desea… Espero la continuación.
    Gracias por lo que compartes. Que tengas una excelente semana llena de bendiciones.
    Cuídate bien, un abrazo querido amigo.
    Elvira

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Elvira la Domenica è stata abbastanza faticosa per le troppe cose da fare ed il poco tempo disponibile. Comunque si va avanti. Spero tanto che tu stia bene. Ti auguro una bellissima settimana e ti abbraccio forte forte con affetto. Ciao Cosimo

      "Mi piace"

      1. Ciao Cosimo. Suele suceder, el día de descanso hay tantas cosas por hacer, además de no querer hacer nada para descansar, jajaja. Hay que tomarlo con buen humor. Un abrazo fuerte fuerte. Ciao Elvira

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.