Le più belle canzoni napoletane

‘E RRAGAZZE

Eduardo Di Capua, Salvatore Gambardella Aniello Califano 1904
 
‘E rragazze mo stanno in ribbasso,
vanno a caccia p’avé ‘nu marito
e, pe farse passá ‘stu prurito,
lloro ‘o ssanno quant’hann’ ‘a suffrí.
 
Le ragazze ora sono in ribasso,
vanno a caccia per avere un marito
e, per farsi passare questo desiderio,
loro sanno quanto devono soffrire.
 
Nun so’ cchiù chilli tiempe ‘e ‘na vota
quanno ll’ommo jéva appriesso â gunnella
e pe ll’uocchie ‘e ‘na femmena bella,
mo nce vo’, se faceva spará.
 
Non sono più quei tempi di una volta
quando l’uomo andava dietro alla gonnella
e per gli occhi di una donna bella,
per davvero, si faceva sparare.
 
‘E rragazze, cu ‘o cannelotto,
vanno ascianno ‘o giuvinotto.
Quanno ll’hann’avuto sotto,
nun s’ ‘o fanno scappá cchiù.
 
Le ragazze, col lanternino,
vanno cercando il giovanotto.
Quando l’hanno messo sotto,
non se lo fanno scappare più.
 
‘E rragazze, cu ‘o cannelotto,
vanno ascianno ‘o giuvinotto.
Quanno ll’hann’avuto sotto,
nun s’ ‘o fanno scappá cchiù.
 
Le ragazze, col lanternino,
vanno cercando il giovanotto.
Quando l’hanno messo sotto,
non se lo fanno scappare più.
 
‘O prugresso ha purtato cchiù lusso.
‘O guverno ha mettuto cchiù tasse.
Chi vulite ca mo se ‘nzurasse?
Quacche pazzo surtanto ‘o ppo’ ffá.
 
Il progresso ha portato più lusso.
Il governo ha messo più tasse.
Chi volete che oggi si sposi?
Solo qualche pazzo potrebbe farlo.
 
Séh, purtáteve ‘a femmena â casa.
‘Int’a niente ve fa ‘na famiglia.
Quanno è doppo, che bella quatriglia,
cu ‘a miseria, vulite abballá.
 
Seh, portatevi la donna a casa.
In un niente vi fa una famiglia.
Dopo, che bella quadriglia,
con la miseria, volete ballare.
 
‘E rragazze, cu ‘o cannelotto,
………………………………….
 
Le ragazze, col lanternino,
……………………………..
 
Picceré, ‘a capite ‘a canzone?
Senz’ ‘e llire nisciuno ve sposa.
Abballate, facite ‘e sciantose1.
‘A furtuna, ll’avit’ ‘a scetá.
 
Piccole, la capite la canzone?
Senza soldi nessuno vi sposa.
Ballate, fate le sciantose1.
La fortuna, dovete svegliarla.
 
State lustre cu ll’aco e cu ‘o ffilo,
mo arrivate cu ‘o fierro e ‘a cazetta.
Si ‘un facite vulá ‘a machinetta,
picceré, v’ ‘a putite sciusciá.
 
Siete spelendenti con l’ago e col filo,
ora arrivate col ferro e la calzetta.
Se non fate volare la macchinetta,
piccole, ve la potete soffiare.
 
‘E rragazze, cu ‘o cannelotto,
………………………………….
Le ragazze, col lanternino,
……………………………..


Il brano fu cantato per la prima volta da Peppino Villani. Tra le altre interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Bernardo Cantalamessa e Roberto Murolo.

1 Il termine “sciantosa” nasce tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900, come italianizzazione della parola francese “chanteuse” (cantante). Inizialmente, infatti, le sciantose eseguivano nei locali brani tratti da opere liriche o operette. Ogni cantante si creava una propria storia e un proprio personaggio, inventando aneddoti sulla propria carriera di diva del teatro e parlando con accento francese pur non essendolo, in modo da dare al pubblico l’impressione di avere davanti una vera diva straniera.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.