L’angolo della Poesia

Versione della poesia di oggi:

9 Qui ora, sentendo che un patto così essenziale

era quello di saper giocare a tarocchi,

ce ne sono stati cinque o sei che hanno infilato le scale,

e tra gli altri (peccato!) un certo don Rocco,

gran giocatore di primiera fin da ragazzo,

che gioca le esequie un mese prima di farle.

10 (E quello tira avanti) “Portare i biglietti,

fare ambasciate, fare provviste, prendersi anche dietro,

alle volte, qualche fagotto, qualche pacchetto,

correre dal sarto, dalle modiste, dal parrucchiere,

menare a spasso la cagnetta e se occorre

scrivere un conto, una lettera al fattore”.

11 Anche qui se la sono svignata in sette o otto,

uno per quella ragione della cagnetta,

un secondo per ragione di quei fagotti,

e gli altri cinque o sei hanno spazzato il campo

per non intrigarsi con le penne, coi calamai,

e rischiare di sporcare le dita consacrate. (…)

12 (E quello tira innanzi) “Quanto al pranzare,

di solito c’è il posto della padrona,

salvo giusto che non venga a capitare

un pranzo di etichetta, o una persona

di alto bordo o di impegno, ché in questo caso

mangiamo tra noi, con le cameriere e con me.

Continua domani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.