L’angolo della Poesia

La nomina del Cappellan – 4

13 In campagna poeù el cas l’è different:

vegniss el Pappa, disnen tucc con lee.

Là la se adatta anch con la bassa gent,

magara la va a brazz col cangelee;

tutt quell de pesc che là ghe possa occor

l’è quell de lassass god d’on sojador.

14 Del rest, rid e fa el ciall, no contraddì,

no passà la stacchetta in del rispond,

a tavola che s’è lassass servì,

no fa l’ingord, no slongà i man suj tond,

no sbatt la bocca, no desgangarella,

né mettes a parlà denanz vojalla.

15 Tegnì giò i gombet, no fa pan moin,

no rugass i di dent cont i cortij,

no sugass el sudor cont el mantin,

infin nessuna affatt di porcarij

che hint ant fazil lor sciori a lassà corr,

comme el mond el fudess tutt so de lor.

16 Quell che ghe raccomandi pù che poss

l’è quella polizia benedetta,

che se regorden che col tanf indoss

de sudor de sott sella e de soletta,

e con quij ong con l’orlo de vellù,

se quistaran del porch e nient de pù.

17 Certe lenden suj spall, cert collarin

che paren faa de foeudra de salamm,

certi coll de camis, de gipponin,

hin minga coss de portà innanz ai damm;

omm visaa, se soeul dì, l’è mezz difes,

hoo parlaa ciar, e m’avaran intes.

Carlo Porta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.