Le più belle canzoni napoletane

‘O CCAFE’

Domenico Modugno Riccardo Pazzaglia 1958
 
‘O llatte è buono e ‘a ciucculata è doce
e pure ‘a cammumilla bene fa.
Rinfresca ll’orzo e ‘o vino fa felice
e sulo ll’acqua ‘a sete fa passà.
Ma ‘nu milione ‘e gente,
‘e Napule comm’a me,
nun vonno sapé niente
e cámpano cu ‘o ccafè.
 
Il latte è buono e la cioccolata è dolce
e anche la camomilla bene fa.
Rinfresca l’orzo e il vino rende felici
e solo l’acqua la sete fa passare.
Ma un milione di persone,
di Napoli come me,
non vogliono sapere niente
e vivono di caffè.
 
Ah, che bellu ccafè.
Sulo a Napule ‘o ssanno fà,
e nisciuno se spiega pecché
è ‘na vera specialità.
 
Ah, che bel caffè.
Solo a Napoli lo sanno fare,
e nessuno si spiega perchè
è una vera specialità.
 
Ah, ch’addore ‘e cafè
ca se sente pe ‘sta città.
E ‘o nervuso, nervuso comm’è,
ogne tanto s’ ‘o vva a piglià.
 
Ah, che profumo di caffè
che si sente per questa città.
E il nervoso, nervoso com’è,
ogni tanto se lo va a prendere.
 
Comme nasce, tu siente ‘o bebbé
ca dice: “Nguè-nguè, ‘nu poco ‘e cafè”.
E ll’Inglese se scorda d’ ‘o ttè
si vène a sapé
“n’espresso” ched è.
 
Appena nasce, senti il bebè
che dice: “Nguè-nguè, un po’ di caffè”.
E l’inglese si dimentica del te
se viene a sapere
“un espresso” cos’è.
 
Ah, che bellu ccafè.
Sulo a Napule ‘o ssanno fà,
e accussì s’è spiegato ‘o ppecché
ca pe tutt’ ‘a jurnata,
‘na tazza po ‘n’ata,
s’accatta, se scarfa
e se véve ‘o ccafè.
 
Ah, che bel caffè.
Solo a Napoli lo sanno fare,
e così è spiegato perchè
per tutta la giornata,
un tazza dietro l’altra,
si compra, si riscalda
e si beve il caffè.
 
Pe bevere ‘o ccafè se trova ‘a scusa.
Io ll’offro a ‘n’ato e ‘n’ato ll’offre a me.
Nisciuno dice “no” pecché è ‘n’offesa,
so’ giá seje tazze e songo appena ‘e ttre.
Ma, mentre faccio ‘o cunto,
‘n’amico mme chiamma: “Gué,
e aspetta ‘nu mumento,
bevímmoce ‘nu cafè”.
 
Per bere il caffè si trova una scusa.
Io lo offro a un altro e un altro lo offre a me.
Nessuno dice “no” perchè è un’offesa,
sono già sei tazze e sono appena le tre.
Ma, mentre faccio il conto,
un amico mi chiama: “Uè,
e aspetta un attimo,
beviamoci un caffè”.
 
Ah, che bellu ccafè.
………………………
Ah, che bel caffè.
……………………


Il brano fu inciso e lanciato dallo stesso Modugno. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Nino Taranto, Roberto Murolo ed Enzo Gragnaniello, Fausto Cigliano, Milva e Massimo Ranieri. Nel 1990, Fabrizio De Andrè si ispirò al ritornello della canzone di Modugno per la sua “Don Raffaè”.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.