Astrologia

LEGGERE IL DESTINO

Manuale di astrologia

Si può dire che nel momento stesso in cui ha incominciato a pensare, l’uomo ha iniziato anche a cercare di elaborare tecniche e metodi per capire quale futuro gli sarebbe toccato in sorte. Alcune di queste tecniche hanno attraversato intatte i millenni, sono giunte fino a noi e sono tutt’ora largamente usate nelle più diverse parti del mondo. L’arte della profezia e della predizione del futuro passa attraverso le metodologie più varie: dallo studio della posizione degli astri all’esame delle interiora degli animali uccisi in sacrificio agli dei, dall’osservazione della sfera di cristallo al lancio dei dadi, dall’esame delle linee della mano all’estrazione delle carte.

Nel XIX secolo, insieme al fiorire di vasti e differenziati interessi riguardanti sia il mondo dello spirito, sia i poteri insospettati della mente umana, anche le mantiche hanno visto un momento di grande sviluppo. Probabilmente si trattò anche di un fenomeno di ribellione verso l’illuminismo e il culto della ragione, nonché verso il dilagare dell’industrializzazione che sembrava volere in qualche modo sostituire completamente le macchine all’uomo.

Anche oggi si assiste a un nuovo “revival” degli interessi legati alla spiritualità e alla parapsicologia, ivi compresa la previsione degli eventi futuri, probabilmente come reazione all’era del computer e della cosiddetta intelligenza artificiale.

Gli scettici affermano che gli eventi futuri sono regolati esclusivamente dal caso e non sono quindi prevedibili, mentre gli accaniti sostenitori delle arti mantiche consultano gli oracoli anche per cercare di conoscere ogni più piccolo dettaglio del domani. Di fatto, come sempre, la via di mezzo è la più corretta, perché più naturale, istintiva e consona ai comportamenti umani.

Il futuro non è fisso e immutabile, ma, essendo costruito dalla somma degli effetti di tutte le nostre azioni e di quelle di coloro che ci vivono accanto, è in continuo movimento e non può essere predetto con precisione millimetrica: se così fosse non esisterebbe il libero arbitrio che invece è una delle leggi fondamentali dell’evoluzione spirituale umana.

Ciò che al contrario è possibile valutare con un buon grado di approssimazione è la struttura del futuro, che ha il maggior numero di probabilità di verificarsi, date le premesse del presente. Sulla base di questo dato diviene poi facile capire quale comportamento tenere o quali decisioni prendere per evitare in futuro eventi negativi e favorire eventi positivi. Altissimo è il numero di arti divinatorie che l’umanità ha sviluppato nel corso dei millenni nelle varie parti del mondo: alcune semplicissime, altre quanto mai complesse. Prenderemo in considerazione sette di queste arti, le più conosciute e attendibili, che sono: l’Astrologia occidentale, l’Astrologia cinese, i Tarocchi, la Cartomanzia, la Chiromanzia, la numerologia e la Radioestesia con il pendolo. Queste arti richiedono un attrezzatura minima: un mazzo di tarocchi, un mazzo di comuni carte da poker, un libro di effemeridi, carta, penna, compasso, righello e un semplice pendolo che può essere realizzato anche infilando un anello in un pezzo di catenella o di cordino. In particolare, l’Astrologia e la Chiromanzia consentono di effettuare una profonda indagine psicologica del consultante, per mezzo della quale è possibile capire in base a quali caratteristiche della personalità il soggetto esaminato si comporta in un modo oppure in un altro, ponendo le cause per questo o per quell’evento futuro. La Numerologia si basa sui significati esoterici legati ai numeri e scopre le corrispondenze tra questi significati e la personalità dell’individuo, basandosi sulla data di nascita o sul numero che si ottiene attribuendo alle lettere del nome il relativo valore numerico e facendone la somma teosofica. Dal canto suo il pendolo è un mezzo versatile che può rispondere a domande sul futuro, m può essere usato anche per ritrovare oggetti perduti, per scoprire l’acqua o per individuare parti del corpo ammalate a causa di disarmonie energetiche.

Ciascuno dovrà autonomamente determinare con quale arte divinatoria ha maggiore affinità, così da dedicarsi a quella in particolare: infatti ogni individuo mostra specifiche attinenze con quella tecnica che maggiormente lo aiuta a sviluppare l’intuito personale. In realtà è proprio l’intuito della persona l’elemento fondamentale della divinazione, non il pendolo o il mazzo di Tarocchi; l’intuito si traduce nella capacità di leggere correttamente i “segni”, siano essi le posizioni reciproche di costellazioni e pianeti o le immagini degli Arcani o ancora le oscillazioni del pendolo.

Continua

Piccolo oroscopo del giorno

Ariete: resta calmo e riuscirai;

Toro: usa la parola in modo più semplice;

Gemelli: hai speso troppo, ora sei in difficoltà;

Cancro: il tuo intuito è giusto;

Leone: nuova relazione in vista;

Vergine: non devi criticare per forza;

Bilancia: devi scegliere e sai cosa è veramente importante;

Scorpione: dedicati alle cose che verranno, quelle passate vanno dimenticate;

Sagittario: dissidi in casa;

Capricorno: è un periodo di riflessione;

Acquario: la calma è la virtù dei forti;

Pesci: oggi sei protagonista.

Piccolo oroscopo del giorno

Ariete: insisti, il successo arriverà;

Toro: ritroverai armonia ed equilibrio;

Gemelli: qualcuno che ritenevi lontano riapparirà;

Cancro: migliora i rapporti con chi ti è vicino;

Leone: le tue idee saranno finalmente rivalutate;

Vergine: qualche soddisfazione a fine giornata;

Bilancia: troppe preoccupazioni ti offuscano il cervello;

Scorpione: incontrerai persone interessanti;

Sagittario: non sei sicura del tuo rapporto sentimentale;

Capricorno: ti senti agitato;

Acquario: rimedia agli errori così ti sentirai meglio;

Pesci: ci vuole pazienza, arrabbiarsi non risolve nulla.

Astrologia

Affinità di coppia del segno del Toro con gli altri segni – Pesci

Toro-Pesci

In coppia tengono vivo il desiderio

Il loro segreto è nascosto sotto le complici coltri, dove si ricompongono i non rari litigi. Che scoppiano in genere quando il romantico marziano fugge e sparisce: un vezzo che fa infuriare la gelosissima figlia di Venere.

Basta nonnulla perché il Pesci dia la stura a sogni sbrigliati. Quindi figuriamoci a quali sollecitazioni sia esposta la fantasia nettuniana quando capta le onde venusiane che emanano dalla Toro. E lei se ne compiace, ma non perde certo la testa: la femminilità, quella vera come la sua, pratica un dosaggio molto oculato del dono di sé. Senza contare che questa venusiana nata in un segno fisso dispone anche di ampie capacità di resistenza che le consentono di fronteggiare la forza del desiderio proprio e altrui e di perpetuare così il collaudato rituale dell’attesa che rende esaltante il fatidico momento dell’abbandono.

A questo rituale il Pesci si ribella. Anzi, risponde con una fitta rete di sguardi, parole, attenzioni e improvvise sparizioni che movimentano la schermaglia fino a che, complici cibi e libagioni galeotti, l’attesa si scioglie in un abbandono intenso ed esaltante. E, quanto ad estasi, gli abbandoni successivi non hanno nulla da invidiare al primo. Perché, nei lenti ritmi che li contraddistinguono, la Toro e i Pesci sanno creare una gamma di modulate variazioni che nutrono e rinnovano all’infinito il desiderio reciproco. E in questo consiste il segreto legame di un rapporto molto resistente nonostante la diversità dei caratteri dei suoi protagonisti.

Infatti, mentre lei è una persona quadrata, lui è invece il disordine fatto persona e sembra addirittura che faccia apposta a spargere il caos proprio dove lei ha appena finito di mettere in ordine. E lei, pur dotata di senso estetico, è un tipo sostanzialmente semplice e concreto; poco incline quindi a seguire il Pesci sulla strada di quei sogni evanescenti che costituiscono la sua passione.

D’altra parte, l’eperrealismo taurino può infliggere sottili frustrazioni al nettuniano che non si accontenta di parlare e costruire un solido futuro con la donna che ama, ma non desidera anche intessere con lei una fitta trama di metacomunicazioni fatte di sguardi e di messaggi non verbali. Sono questi infatti i parametri che danno al Pesci la percezione dell’effettivo stato di salute dei rapporti che lo coinvolgono affettivamente. Bisogna dire però che, se lui fosse lasciato in balia di se stesso e della propria incorreggibile mancanza di concretezza, rischierebbe ogni giorno la bancarotta e dimenticherebbe puntualmente di pagare tasse e bollette o di aggiornarsi sull’ammontare del saldo del suo conto corrente. Quindi è provvidenziale che la Toro assuma in toto la gestione del bilancio comune. Che, sotto il suo tocco esperto, imbocca la strada di un incremento costante.

Ma questo processo di normalizzazione dei Pesci non è un processo indolore. Tutt’altro. Infatti lui è un recidivo cronico della disorganizzazione creativa e la Toro per questo va in bestia. Però tanta severa intransigenza dispiace ai Pesci che reagisce in modo imprevedibile. No, non si arrabbia. Ma prima o poi, cede alla tentazione di concedersi una di quelle misteriose sparizioni che, se davano mordente all’interesse della venusiana prima che la love story avesse inizio, a ménage avviato hanno invece il potere di scatenare in lei le peggiori furie, e come sempre le accade quando capita che ciò che ama e che considera suo sfugga al suo controllo. E, visto che lei è così gelosa mentre il Pesci ha fascino da vendere, non è necessario un grande sforzo di fantasia per immaginare quello che può succedere quando lui, serafico, ricompare all’orizzonte domestico…

Se non ci fossero complici coltri a ricomporre puntuali le venusiane armonie dell’eros, prima o poi arriverebbe inevitabile lo sfacelo. E invece succede di solito che queste armonie comincino a produrre quei prolifici frutti da cui la Toro trae fondamentali appagamenti esistenziali che finiscono col renderla anche tremendamente orgogliosa del Pesci. Che, in veste di padre, ha modo di rivelare i lati migliori e più rassicuranti della sua variegata ma difficile sensibilità: le antenne intuitive si rivelano preziose quando si tratta di captare segnali di crisi di crescita. Che, prontamente trasmessi alla Toro, serviranno a renderla più attenta alle sfumature psicologiche della prole, di cui imparerà a curare anche lo spirito.

Piccolo oroscopo del giorno

Ariete: belle notizie in arrivo;

Toro: prendete in considerazione dei cambiamenti;

Gemelli: difendete il vostro rapporto sentimentale;

Cancro: dovete cercare di essere più tranquilli;

Leone: siete pieni di energia;

Vergine: problemi in amore;

Bilancia: voi valete, credeteci;

Scorpione: non rimuginate sempre sul passato;

Sagittario: tenete molto alla vostra libertà;

Capricorno: un incontro molto intrigante;

Acquario: le preoccupazioni non aiutano a risolvere;

Pesci: avrete l’approvazione ai vostri progetti.

Piccolo oroscopo del giorno

Ariete: da un momento all’altro vi potranno essere cambiamenti;

Toro: miglioramenti in arrivo;

Gemelli: avete un peso che vi dà fastidio, meglio liberarsi;

Cancro: siate più socievoli;

Leone: vi siete caricati di troppi impegni;

Vergine: stanchezza fisica;

Bilancia: gli impegni costano troppa fatica;

Scorpione: non serve a nulla ripensare al passato;

Sagittario: siete rimasti scottati da una delusione, passate oltre;

Capricorno: le polemiche non servono;

Acquario: prendete le cose con calma;

Pesci: portate a conclusione gli affari.

Astrologia

Affinità di coppia del segno del Toro con gli altri segni – Acquario.

Toro-Acquario

Lasciati scoprire, amore…

Lui e lei hanno poco o niente in comune, divisi come sono dall’elemento primordiale del loro segno (Aria contro Terra). Ma sono spinti l’uno nelle braccia dell’altra dalla passione trascinante dell’ignoto, per un mondo inesplorato di idee, azioni e sensazioni. Uscire senza gravi danni da una simile avventura non è facile…

Quanto l’amore sia una faccenda complicata e, tutto sommata, misteriosa, è risaputo. In ognuno esiste infatti una specie di molla segreta, sensibile ad un particolare tipo di stimoli che hanno il potere di farlo innamorare. Così c’è chi si innamora soltanto se fiuta aria di affinità elettive. Queste in termini astrologici, legano le coppie formate da persone nate in segni affini rispetto all’elemento primordiale e sono Fuoco-Fuoco, Terra-Terra…

Poi c’è chi ama quando vede nell’altro una specie di benefico, disponibile humus in cui far attecchire e prosperare armoniosamente la parte più creativa e vitale di sé. E questi sono gli amori che legano partner nati in elementi compatibili come Fuoco-Aria e Terra-Acqua.

Ma c’è anche chi, più esigente forse ma anche più disposto a pagare un prezzo elevato in nome dell’amore, concepisce questo sentimento come la fatidica unione delle due “mezze mele”. E cerca di realizzare il rapporto difficile ma potenzialmente ricchissimo fra segni opposti e complementari: Ariete-Bilancia, Toro-Scorpione, Gemelli-Sagittario…

E, ancora, c’è chi ama solo quando può dire quello che è “la croce e la delizia” della sua vita e cerca quindi l’amore fra persone appartenenti a segni che formano quadrato (angolo di 90°). Questi individui sono accumunati dalla stessa qualità, ma anche divisi dall’incompatibilità dell’elemento primordiale: è la coppia cardinale, fissa o mobile, di Fuoco-Terra, di Terra-Aria.

E’ proprio questo il caso della fissa e terrestre Toro alle prese col fisso e arioso Acquario. Un amore problematico, sostenuto però dalla spinta istintiva a scoprire un mondo totalmente estraneo.

Alla base dell’attrazione Toro-Acquario c’è infatti il desiderio inconscio di impossessarsi, attraverso l’altro, di una dimensione che altrimenti sarebbe preclusa. Fra loro nasce un sentimento che assomiglia un po’ a un investimento ad alto rischio; se va bene è la ricchezza; se va male è la bancarotta.

Infatti con questo amore si gioca il tutto per tutto, perché fra Toro e Acquario l’intesa è tutta da costruire: salvo l’ostinazione, fra loro c’è ben poco in comune.

Le vive di sicurezze materiali non perché sia un’irrecuperabile prosaica ma perché il realismo le impone di tenere i piedi ben saldi per terra; che senso ha inseguire astratte chimere se ogni giorno si deve fare i conti con una realtà fatta di prosa più che di poesia?

Invece il nato nell’Acquario è sempre alle prese con avvenimenti preziosi in futuro idealizzato, che finiscono spesso col fargli scordare l’oggi e le sue concrete leggi. Ma, proprio perché si sente un po’ sospeso a mezz’aria, è particolarmente esposto al fascino della sensualissima donna del Toro, che incarna il più seducente dei richiami terrestri. E, d’altra parte, agli occhi della venusiana del secondo segno l’uomo dell’Acquario assomiglia a una specie di magico aquilone.

Così il dischiudersi di esaltanti prospettive stabilisce fra loro un legame particolarmente intenso, emotivo e passionale.

Ma l’energia che si genera all’interno di questa coppia riserva anche pericolosi effetti boomerang, che nascono dal confronto con un quotidiano interpretato con criteri assolutamente divergenti. Difesi, oltre a tutto, con accanito puntiglio cui è del tutto sconosciuta qualsiasi accomodante risorsa diplomatica. E così può succedere che lei vada su tutte le furie e lo accusi di pazzia quando lui, con improvvisazione uraniana, butta all’aria tutti i piani che lei si era data la pena di mettere a punto. Ma la toro è capace di andare in bestia anche per molto meno. Per esempio, quando lui torna a casa tardi perché, a furia di fare discorsi con gli amici, che lei definisce senza capo né coda, ha perso la cognizione del tempo. Il contrattempo, in fondo banale, assume proporzioni allarmanti perché lui interpreta le rimostranze taurine come intollerabili attentati alla sua libertà. Così ne fa una questione di principio e inasprisce la situazione.

A questo punto i due si fronteggiano con bellicoso cipiglio, fermamente determinati a non cedere. Uscirne non è facile, a meno che Marte e Venere armonici non diano un aiuto.

Piccolo oroscopo del giorno a cura dell’astrologo Aureliano

Ariete: importanti novità in arrivo;

Toro: riscoprirete le gioie che la vita offre;

Gemelli: concluderete un ottimo affare;

Cancro: vi emozionerete per una bella notizia;

Leone: vi sentite ancora molto nervosi;

Vergine: state facendo dei cambiamenti, riflettete bene prima;

Bilancia: dovete sottoporvi ad un giudizio;

Scorpione: non siate acidi, apritevi agli altri;

Sagittario: vivrete delle nuove emozioni;

Capricorno: in amore ritroverete la serenità;

Acquario: gli influssi delle stelle migliorano;

Pesci: vi piace creare storie piene di passioni.

Animali da Compagnia

Gatto

Tiffany/Chantilly
Atlante delle razze di Gatti

Classificazione FIFe e cenni storici

Nome: Tiffany/Chantilly
Paese d’origine: Stati Uniti.

Nel 1967, Jennie Robinson acquistò a New York una coppia di gatti a pelo lungo color cioccolata, dagli occhi dorati, di cui si ignorava la provenienza.
Il colore dei gatti indicava tuttavvia una parentela con i Burmesi.
I gatti passarono a una allevatrice di Burmesi della Florida, che li chiamò Tiffany, ma fu inevitabile l’associazione con i gatti da lei allevati.
Negli anni ’80 lo Chantilly rischiò l’estinzione, ma nel 1988 una allevatrice canadese stabilizzò la razza chiamandola Chantilly/Tiffany (fonte www.akela.it)

Aspetto generale

E’ un gatto di media taglia, elegante e muscoloso.

Orecchie: medie, arrotondate
Occhi: rotondi, color oro
Testa: rotonda
Corpo: di taglia media, muscoloso
Mantello: lungo
Zampe: lunghe e magre
Piedi: ovali e rotondi
Coda: media, molto folta

Carattere

Dal carattere dolce e adorabile, si affezionano molto al padrone, che seguono in giro per la casa e dal quale amano farsi coccolare a lungo. Hanno bisogno di ricevere costanti attenzioni e amano giocare giornalmente; soffrono se vengono lasciati soli per troppo tempo.

Tiffany/Chantilly

Cura

A causa del loro fitto e lungo mantello devono essere spazzolati e pettinati ogni giorno.

Tiffany/Chantilly

Varietà di colore

Diversi sono i colori ammessi, tra cui cioccolato, blu, cannella, marron-glacé e lilla, sia in tinta unita sia chiazzati. Il più conosciuto è comunque color cioccolato.

Piccolo oroscopo del giorno a cura dell’astrologo Aureliano

Ariete: con la primavera vi esaltate;

Toro: il denaro è poco, dovete procurarvene altro;

Gemelli: vi sentite abbastanza appagati;

Cancro: stimoli che considerate passati, stanno ritornando;

Leone: date sfogo ai vostri desideri;

Vergine: dovete decidervi e prendere le vostre decisioni;

Bilancia: non accettate le proposte che non vi piacciono;

Scorpione: attenti alle novità;

Sagittario: qualcuno vi rema contro;

Capricorno: coltivate le vostre relazioni;

Acquario: vi sentite prigionieri di certe situazioni;

Pesci: i rapporti sentimentali sono favoriti.

Astrologia

Affinità di coppia tra il segno del Toro e gli altri segni – Capricorno.

Toro- Capricorno

Amami e fai un affare

La sensuale figlia di Venere sa come travolgere e sgominare l’istintiva diffidenza verso le donne dell’alunno di Saturno. Solo lei riesce a fargli allargare i cordoni della borsa e la porta del cuore… Ma c’è un pericolo: la violenta gelosia di lei.

E’ quasi un ritornello quello che riguarda l’uomo del Capricorno: gli interessa molto la carriera, è un taciturno che, anche in fase di innamoramento, butta là monosillabi appena sussurrati. Oltre a tutto, è anche molto restio a gratificare il prossimo con sorprese e regalini estemporanei. Eppoi, nonostante il rigore moralista di cui si ammanta, spesso conduce un’esistenza tutt’altro che casta.

Bravissimo nel separare di netto la vita sessuale da quella sentimentale, inflazionando la prima e difendendo a oltranza la seconda. E’ sensibilissimo, anche se non lo ammetterebbe mai: ha infatti una tremenda fifa di rimanere impigliato nella trappola dei sentimenti. Allora si tutela guardando il mondo attraverso una lente maschilista, che divide il mondo femminile in due categorie ben distinte: da una parte stanno le donne disposte a rispondere con entusiasmo ai prepotenti istinti capricorniani; dall’altra quelle che si negano a oltranza.

Le prime sono bollate come poche affidabili e forse anche peggio, mentre le seconde possono aspirare al titolo di donna angelicata, degne di ascendere su un metaforico piedistallo su cui però rischia di morire per assideramento. Perché di fronte a una donna simile, lui può anche diventare di una timidezza estrema… Insomma, in qualunque caso, arrivare a conquistare un Capricorno è difficilissimo, bisogna essere capaci di vincere la resistenza granitica dietro cui si trincera il diffidente saturnino.

Ma siccome le conquiste più difficili sono anche le più desiderate, ecco che l’uomo del decimo segno miete spesso vere e proprie stragi di cuori. Ma anche lui può incappare in una donna capace di metterlo K.O.

Alla vittoriosa categoria appartiene di diritto la paziente, dolce ma determinata donna del Toro. Pur di conquistare l’uomo che ha scelto è disposta ad assecondarlo in tutto, almeno fino a che non è ben certo di averlo in pugno.

Ed è facile che la Toro scelga, fra tutti, l’uomo del Capricorno: lei preferisce i fatti alle parole e lui, con il suo nutrito conto in banca e il pallino di costruire un solido futuro, non può che piacerle moltissimo. Anche se, ai primi approcci, il Capricorno non si spreca certo in regali… Ma poi, complici le irresistibili arti venusiane, lei riesce a fargli allentare anche i cordoni della borsa e a farsi sommergere da una montagna di gioielli-investimento.

Come fa la Toro a convertire alla munificenza l’iperaccorto saturnino? Semplice, con la dolcezza e l’esibizione di un sacro rispetto per il denaro. Allora lui si convince che, affidati a lei, i beni sono al sicuro. Quindi, se appena ne ha la possibilità, le intesta volentieri anche qualche immobile. Con grande gioia della Toro che, appena può contare su un perimetro di sua proprietà, si sente felice.

A questo punto è chiaro che la coppia Capricorno-Toro assomiglia a una perfetta società per azioni, destinata a fare affari d’oro. Ma, a parte questo, come si svolgono le cose nell’intimità? Niente male, davvero. Perché lui ha finalmente la possibilità di comporre il dissidio che spesso rende triste la sua vita sentimental-sessuale. Infatti la Toro sa esprimere una sessualità spontanea, naturale, fresca, esigente ma non egoista e, soprattutto, disponibile ma mai sfrenata.

E poi, il conservatore Capricorno apprezza in lei un’altra cosa, forse la più importante: il vivo, manifesto desiderio di maternità. Per lui, vedere in una donna la futura madre dei propri figli è il massimo. Per lei, questa posizione affettiva nel cuore di un Capricorno è come aver stipulato una formidabile assicurazione sulla vita. Però a pensarci bene, anche questo fa parte del leit-motiv di questa coppia: costruire, costruire, costruire. La carriera, un pingue patrimonio, la famiglia e, con lei il futuro.

Ma se, nonostante le solide basi su cui poggia questo rapporto, si verificasse una crisi? Aiuto! Perché, quando si sente deluso, il Capricorno riesce ad essere tremendamente feroce e crudele. Ma la Toro non è da meno: se qualcuno osa rovinare o, peggio, sottrarre quello che lei considera suo, deve fare i conti con un’Erinni scatenata, in preda a una cieca, travolgente, furiosa crisi di gelosia.

Quindi è chiaro: la Toro e il Capricorno non sono affatto tipi da congedi civili.

Atlante della Fauna selvatica italiana – Uccelli

Albanella reale – Circus cyaneus Linnaeus, 1766
Atlante della Fauna selvatica italiana – Uccelli

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Uccelli
Ordine: Accipitriformi
Famiglia: Accipitridi
Genere: Circus
Specie: C. cyaneus L.

L’albanella reale è specie diffusa come nidificante in Europa ed Asia centrali e settentrionali e, con una distinta sottospecie, nell’America del Nord. Le popolazioni del Nord e del Nord-Est europeo sono completamente migratrici, mentre quelle dell’Europa centrale e occidentale sono parzialmente migratrici; le aree di svernamento sono situate in Europa occidentale e meridionale, in Nord Africa e nel Medio Oriente. Le popolazioni asiatiche di Albanella reale svernano dalla Penisola Anatolica alla Cina orientale e al Giappone.
In Italia l’albanella reale è migratrice regolare e svernante. La migrazione post-riproduttiva verso i quartieri di svernamento inizia alla fine di agosto, ma i contingenti più numerosi si registrano in ottobre e novembre; la migrazione pre-riproduttiva verso i quartieri di nidificazione si svolge tra la fine di febbraio e aprile.

Maschio di Albanella reale in volo – Circus cyaneus L. (foto https://lailera.wordpress.com/)
Albanella reale – Circus cyaneus L.
Femmina di Albanella reale in volo – Circus cyaneus L. (foto www.casalinimaker.it)

Caratteri distintivi

Lunghezza: 44-52 cm
Apertura alare: 100-120 cm

Rapace di medie dimensioni, con struttura intermedia tra il più massiccio C. aeroginosus e le più snelle C. pygargus /C.macrourus. Ha coda relativamente lunga e ali larghe in corrispondenza del “braccio” e più corte e arrotondate alla “mano” dove sono evidenti le 5 “dita”. Da posato le ali non superano la lunghezza della coda ma i tarsi relativamente corti fanno sembrare sia le timoniere che le primarie più sporgenti che nelle altre albanelle. Il volo di caccia è tipico di circus radente al terreno con 5-6 battiti intervallato da planate con le ali leggermente rivolte all’insù. A differenza dei suoi congeneri effettua anche scivolate ad ali piatte o incurvate verso il basso e procede in volo battuto per lunghi tratti. Il maschio adulto è caratterizzato da una colorazione grigio-bluastra sulle parti superiori ad eccezione delle primarie più lunghe di colore nero. Capo e petto dello stesso colore e nettamente distinti dalle restanti parti bianche.

Biologia

Volo basso; sul terreno salta e cammina. Si ciba di vari animali di palude, ratti, lucertole, piccoli uccelli, nidiacei e uova. E’ una specie solitaria durante tutto l’anno.
Periodo riproduttivo: depone le uova tra fine aprile e giugno; una covata l’anno.
Costruisce nidi utilizzando stecchi, steli, erbe e foglie sul terreno tra la vegetazione erbacea o cespugliosa e, a volte, nelle zone coltivate a cereali.
Depone in genere 3-5 uova.
La cova, effettuata dalla femmin, dura 29-31 giorni.
Cure parentali: i pulcini sono nidicoli e rimangono nel nido per 5-6 settimane. I giovani raggiungono l’indipendenza dopo circa 3-4 settimane dall’involo.

Piccolo oroscopo del giorno a cura dell’astrologo Aureliano

Ariete: piccola vincita in arrivo;

Toro: c’è qualcosa che vi fa sentire un po’ agitati;

Gemelli: dissidi intorno a voi, ma la colpa non è vostra;

Cancro: il rapporto sentimentale è solido;

Leone: la vita è fatta di tante altre cose, non solo lavoro;

Vergine: avete problemi in casa;

Bilancia: è il vostro giorno sul piedistallo;

Scorpione: dovete riflettere e fare un programma preciso;

Sagittario: non tutto fila liscio nel rapporto sentimentale;

Capricorno: piacevoli incontri;

Acquario: aria di tempesta in arrivo;

Pesci: le vostre affermazioni sono sincere.

Astrologia

Affinità di coppia del segno del Toro con gli altri segni – Sagittario.

Toro-Sagittario

Così lei riesce a farsi sposare

Un centauro geloso della propria libertà e una possessiva venusiana hanno poco in comune, ma possono felicemente approdare al matrimonio. Di solito è merito di lei, tanto paziente ed abile da apparirgli come una preda difficile da catturare e tenere…

A volte succede che un lui Sagittario si innamori seriamente di una lei Toro e che, insieme, formino una coppia solida ed affiatata. Anche se lui è nato in un segno mobile di Fuoco corrispondente al nono Campo. Quello del lontano, di un violento anelito alla libertà spirituale e fisica. Mentre lei appartiene a un segno fisso di Terra, corrispondente al secondo Campo. Cioè quello che esprime normalmente un solido e radicato senso di possesso, nell’accezione più ampia del termine.

Quindi, è chiaro, in apparenza questi due non hanno niente in comune. Ma, se lei decide di conquistarlo, le distanze si riducono e gli ostacoli si sgretolano sotto la poderosa azione di una paziente, irresistibile perseveranza taurina, ben dissimulata dietro le amabili, sensuali grazie venusiane.

Ma è proprio su queste grazie che lei fa leva per attirare l’attenzione del Sagittario. Che si sa, è un tipo piuttosto vivace nel rispondere ai richiami amorosi e quindi difficile da convertire alla pratica della monogamia.

Anche, se, a modo suo, è piuttosto fedele. Nel senso che, quando tradisce, è solo questione di scalpitanti istinti, mentre il suo spirito e la sua anima rimangono… devoti alla donna amata.

Poco male se per esempio questa donna amata fosse una mobile Gemelli: le altalenanti fiamme sagittariane potranno apparirle curiose e perfino divertenti. Ma le cose vanno ben diversamente se il Sagittario incappa in una Toro che, come tutti i nati nei segni fissi, non sopporta le situazioni confuse. Quindi un uomo vuole averlo tutto per sé (anche perché come già si è detto è molto possessiva). Altrimenti preferisce non averlo affatto.

Per sua fortuna, la venusiana è una che non disarma. Anzi, realista com’è, non perde tempo attendendo inutilmente che si compia il miracolo. Piuttosto si mette all’opera senza tentennamenti, facendosi guidare da un realismo e da un istinto femminile che, fusi insieme, le assicurano spesso successi strepitosi e sorprendenti. Ma come farà a mettere le briglie al collo al Sagittario? Semplice. Prima provvede a scatenare in lui brucianti desideri, che sa assecondare con un invidiabile senso delle proporzioni. Nel senso che ha l’abilità di rispondere alle profferte sagittariane con una generosa disponibilità insaporita… da un tocco di avarizia.

Infatti, con un arte tutta venusiana, riesce ad abbandonarsi senza arrendersi. E riattizza così desideri sagittariani proprio nel momento in cui li appaga. In questo modo, si mette in una preziosa posizione di vantaggio e può passare, sicura di sé, alla seconda fase del suo piano di cattura. Allora, pur lottando con la propria possessività che le vorrebbe suggerire di sorvegliare a vista l’amato Sagittario, decide di sparire. Come non importa: va altrettanto bene un viaggio all’altro capo del mondo o il soggiorno nell’accogliente casa di campagna di un amico disposto a prestargliela e a mantenere il segreto. L’importante è che il Sagittario sia nell’assoluta impossibilità di raggiungerla. E si trovi così alle prese con una libertà che prima gli pareva un bene inestimabile e che ora, ossessionato dal desiderio di avere vicino la sua Toro, gli appare un peso insopportabile.

Poi, quando lei sente che l’esperienza è stata istruttiva per il Sagittario, ricompare. Serena, sorridente, più desiderabile che mai. E, fingendo di ignorare i tormenti di lui, gli racconta di quanto è stata bene (il suo aspetto ne fa fede). Gli dice di essere contentissima di rivederlo e, per festeggiare, gli offre una deliziosa cenetta che manda in visibilio il goloso Sagittario. Così lui, felice ed entusiasta per la riconquistata vicinanza con la Toro, comincia a sbilanciarsi, parlandole di sentimenti diventati più forti del desiderio. Però a lei non basta: anche se si guarda bene dal dirglielo, vuole che lui le proponga il matrimonio, fissando se possibile una data precisa. Ma ormai sa benissimo che è solo questione di tempo e perciò temporeggia, tranquilla e serena.

Già pronta, se lui dovesse indugiare troppo a lungo, a sparire per dargli modo di risolversi… liberamente al gran passo. E trovarsi, al ritorno, “costretta” al matrimonio.

Piccolo oroscopo del giorno a cura dell’astrologo Aureliano

Ariete: oggi vi conviene stare molto calmi, vi sentite un po’ sfasati;

Toro: allegria, siete tornati sulla breccia;

Gemelli: esaminate bene chi vi è attorno;

Cancro: per chi ha qualche problema la soluzione è vicina;

Leone: allargherete le vostre competenze;

Vergine: non tutto è chiaro, c’è qualcosa che non va;

Bilancia: fatevi valere, le capacità le avete;

Scorpione: siete emozionati per una dolce relazione;

Sagittario: un progetto messo da parte ritorna prepotentemente, è buono;

Capricorno: in tanti vi contrastano, resistete;

Acquario: la tenacia è la vostra opportunità;

Pesci: gratificazioni in arrivo.

Piccolo oroscopo del giorno a cura dell’astrologo Aureliano

Ariete: proposte di lavoro in arrivo;

Toro: siete pieni di preoccupazioni;

Gemelli: pensate positivo;

Cancro: in amore è tutto ok;

Leone: siate fermi e determinati;

Vergine: c’è tanta confusione attorno a voi;

Bilancia: avete una grande capacità innovativa;

Scorpione: siate più aperti alle novità;

Sagittario: siate sicuri prima di aprirvi ad una nuova relazione;

Capricorno: vi sentite tesi, troppo guardinghi, come in attesa di qualcosa;

Acquario: siete molto fantasiosi ed è un bene;

Pesci: una vecchia fiamma si rifarà viva.

Astrologia

Affinità di coppia del segno del Toro con gli altri segni – Scorpione.

Toro-Scorpione

Un amore così contorto!

La femminilissima venusiana rischia di trovarsi invischiata nei labirinti del fascino scorpionico fino a perdere tutte le sue sicurezze. Comincia allora un febbrile rapporto basato sullo scontro di due forze opposte e insieme complementari: l’istinto di vita e quello di morte.

Di solito la donna del Toro è una donna serena. La sua serenità nasce soprattutto da un realistico buon senso e da una capacità di amare la vita per quello che è e che può obiettivamente dare.

Senza lasciarsela sfuggire nel vano tentativo di realizzare l’impossibile o di conciliare l’inconciliabile. Così nata in un segno governato da Venere e sede di esaltazione della Luna, questa iperfemmina riesce per lo più a crearsi un solido mondo di appagate sicurezze affettive e altrettanto solide certezze economiche. Insomma, sa vivere la sua femminilità come privilegio e i risultati che ottiene non lascia dubbi in proposito: l’uomo che sceglie come compagno della sua vita e padre dei suoi figli è di solito un tipo davvero affidabile come partner sentimentale e come produttore di reddito.

E lei, espertissima nell’arte della dolcezza e dell’apparente condiscendenza, provvede per di più a renderlo particolarmente malleabile e disponibile alle sue richieste, economiche ed affettive, per altro mai irragionevoli e campate in aria.

Così alla Toro è possibile avanzare anche sulla strada di una solida carriera professionale, potendo contare sulla collaborazione di un solerte compagno disposto a darle una mano sia nelle situazioni eccezionali sia nei piccoli problemi di ogni giorno e nei lavori di casa.

Se però la scelta della Toro cade su un uomo dello Scorpione, non è detto che tutto fili così liscio. Anzi, può addirittura succedere che il quadro della sua vita assuma tinte piuttosto fosche. Come mai? Il guaio è che, quando incontra il suo opposto-complementare astrale, la venusiana rischia di rimanere ammaliata, alla mercé del fascino scorpionico. Mentre la sua capacità di discernimento va in tilt, si trova prigioniera in un irresistibile labirinto sentimentale fatto di passione, desiderio, odio, amore, lotta, resa estasi e dannazione.

Non che lo Scorpione sia un essere diabolico (anche se di solito l’idea di esserlo non gli dispiace davvero); semplicemente, tra lui e la Toro s’instaura un gioco di proiezione reciproche profonde, di una complessità veramente straordinaria.

Lui, intimamente perseguitato e dilaniato dalle ombre della sua psiche marzian-plutoniana, aspira inconsciamente alle armonie e alle dolcezze incarnate dalla Toro: vuole possederla per essere amato e rassicurato.

Ma non le si affida, non si abbandona serenamente alla sensazione di aver trovato la partner ideale che cercava più o meno inconsciamente.

Tutt’altro. Anzi, forse invidioso della feconda vitalità che emana dalla Toro, le dà battaglia e cerca di distruggere proprio quello che in lei più l’affascina. Un esempio? Se fanno l’amore, un demone gli impedisce di accogliere serenamente il generoso dono che lei gli fa di sé e gli suggerisce invece sottili tormenti da infliggerle. Allo stesso modo, quando, a tavola, lei gli ammannisce quei gustosi manicaretti che avrebbero il potere di prendere qualsiasi altro uomo per la gola, lo Scorpione è capacissimo d’infliggere a se stesso una costosa rinuncia pur di umiliarla con un rifiuto del tutto immotivato.

Se non si trattasse di lui, la Toro in casi del genere non avrebbe il minimo dubbio: lo manderebbe al diavolo e cercherebbe subito un altro più meritevole del suo amore. Ma il guaio è che lei, per sicuro istinto femminile, avverte quanto lui, a dispetto delle apparenze, la desideri e l’ami. Non solo, ma sa anche la cosa più importante: cioè che l’unico possibile, efficace antidoto al prepotente istinto di morte scorpionico è proprio il suo profondo, coerente e costruttivo istinto di vita.

Allora la Toro, animata dall’ostinata convinzione che l’amore sia destinato a vincere comunque sulla morte, accetta il gioco dei contraddittori, pericolosi conflitti scorpionici. Così incontro-scontro di queste due ostinate, viscerali creature finisce con l’identificarsi nella lotta febbrile e mai completamente risolta fra due principi opposti che regolano la vita.

Vincere o perdere, nella scommessa amorosa per questa coppia è soprattutto una questione di coraggio e di resistenza.

Piccolo oroscopo del giorno a cura dell’astrologo Aureliano

Ariete: dovrete superare delle difficoltà;

Toro: avete bisogno di recuperare le forze;

Gemelli: i nodi sono al pettine, dovete decidere;

Cancro: date ascolto a chi vi sta attorno;

Leone: il riposo vi ha fatto bene vi sentite carichi d’energia;

Vergine: non gettatevi a capofitto, a volte ci vuole prudenza;

Bilancia: siate un po’più malleabili;

Scorpione: vivrete delle nuove emozioni che vi faranno bene;

Sagittario: avrete degli incontri molto positivi;

Capricorno: incominciate a fare progetti per i mesi prossimi;

Acquario: avete voglia di cambiare aria, anche una passeggiata può far bene;

Pesci: vi state innamorando di nuovo.

Piccolo oroscopo del giorno a cura dell’astrologo Aureliano

Ariete: dedicatevi solo a quello che potete fare;

Toro: la luna nel segno vi favorisce;

Gemelli: c’è chi vi vuole bene ma anche chi vi vuole male, attenzione;

Cancro: dedicatevi ai rapporti sentimentali;

Leone: la stanchezza vi assale, avete bisogno di riposare un po’;

Vergine: c’è qualcuno che vi rema contro;

Bilancia: analizzate la vostra vita e valutate;

Scorpione: un rapporto importante;

Sagittario: è il momento giusto per viaggiare;

Capricorno: portate avanti dei progetti;

Acquario: incontri in vista;

Pesci: vi sentite nervosi, scoprite perché.

Animali da Compagnia

Gatto

Persiano
Atlante delle razze di Gatti

Classificazione FIFe e cenni storici

Paese d’origine: Gran Bretagna.
Classificazione FIFe: Category I – persian & exotic

Nei caravan che attraversavano il deserto polveroso, diretti ad Ovest, dalla Persia all’Iran, si suppone che nascosto tra i carichi di spezie e di rari gioielli, ci fosse un carico ancor più prezioso, un gatto dal lungo manto. Furono chiamati Persiani, per il loro paese d’origine.
Reperti archeologici datano il loro arrivo sulle coste britanniche nel XVI secolo. Erano già conosciuti come gatti d’Angora, di colore prevalentemente bianco. Avevano un aspetto longilineo, il muso lungo, grandi orecchie e un
folto pelo sulla coda, ma confrontato col Persiano moderno si potrebbero definire a pelo semilungo. Gli allevatori britannici iniziarono la selezione usando gatti “francesi”, che presentavano invece una corporatura più
robusta, con arti bassi, testa arrotondata, occhi rotondi e naso più corto, pelo lungo e morbido, con presenza di sottopelo lanoso e fitto. Esso si conquistò un immediato e clamoroso successo, tanto da entrare perfino nelle
dimore reali inglesi. Nel 1889 venne redatto il primo standard. Nel corso degli anni si aggiunsero nuove modifiche allo standard iniziale, arrivando all’ultima stesura delimitata al raggiungimento del cosiddetto Peke-faced, il Persiano a faccia di Pekinese.

Aspetto generale

Il Persiano è un gatto dall’aspetto aristocratico, ha un corpo compatto, massiccio e imponente, un mantello molto fitto di peli lunghissimi, in una vastissima varietà di colori, che al tatto risulta morbido e setoso.
Ha delle zampe corte, forti e muscolose; la testa è in genere tonda con guance piene, gli occhi sono grandi e rotondi, lo stop marcato e le orecchie si presentano piccole e ben distanziate. Il profilo è piatto con un naso largo, corto e schiacciato. Il pelo intorno al collo è molto lungo formando la tipica gorgiera e i lunghi peli sulla coda lo fanno assomigliare a una volpe. Ha un’ossatura possente e una buona muscolatura. Maschio più grosso della femmina.

Carattere

Il Persiano generalmente è pacato e tranquillo di natura, a differenza dei cuccioli che sono giocherelloni e vivaci. Adatti alla vita in casa perché tranquilli e pacifici, si rivelano molto affettuosi e riconoscenti al padrone. Richiedono una presenza discreta e affetto quotidiano, ma, anche se propende a dormire per ore, non è un gatto da grembo, a causa del suo pelo che lo porta a soffrire rapidamente il calore eccessivo. Sopporta bene la solitudine ed è difficilmente preda di stress o ansie. Questa razza è di carattere affettuosa e poco aggressiva. La sua piacevole voce si sentirà raramente, anche nella stagione degli amori si comportano discretamente. Le femmine sono madri eccezionali e i cuccioli raramente danno problemi. L’indole tranquilla e affettuosa nasconde a volte un temperamento sensibile, che il gatto manifesta nascondendosi quando deve affrontare bambini vivaci o ospiti rumorosi. Non si può più definire il Persiano come gatto predatore, avendo perso l’indole negli anni di selezione, privilegiando altre attitudini, come quella di essere diventato il gatto ideale da compagnia.

Gatto Persiano calico diluito tabby (foto www.agraria.org)
Gatto Persiano tortie tabby (foto www.agraria.org)

Cura

A causa del loro fitto e lungo mantello devono essere spazzolati e pettinati ogni giorno, per impedire la formazione di nodi e che diventi opaco. Bisogna perciò abituare il gatto fin da piccolo ad essere spazzolato ovunque. Un eventuale bagno deve essere affrontato solo dopo aver spazzolato a fondo il mantello. La toelettatura richiede particolare attenzione all’esaltazione della delimitazione delle aree colorate, a questo scopo una spolverata di talco è utile per far risaltare il contrasto tra il bianco e le aree colorate. Per far risultare voluminoso e soffice il mantello bisogna dapprima pettinarlo contropelo e poi nel verso del pelo stesso. Oltre al pelo bisogna dedicarsi a mantenere sana la salute degli occhi e prestare attenzione alle pieghe cutanee, dove possono formarsi dermatiti. Spesso la lacrimazione abbondante, favorisce un ingiallimento del pelo della zona sottorbitale. A questo difetto bisognerà rimediare usando dei detergenti smacchiando il pelo.

Gatto Persiano golden shaded (foto www.agraria.org)

Varietà di colore

Sono riconosciute circa duecento combinazioni di colori per il Persiano a seconda delle pezzature e dei disegni. I gruppi principali di colori sono:
– Solid: il mantello ha un colore uniforme dalla radice alla punta del pelo, senza la presenza di striature. I colori vanno dal bianco al nero, blu, chocolate, lilac, rosso e crema. Il colore del tartufo e dei cuscinetti plantari rispetta il colore del mantello, tranne che per la varietà bianco e crema che sono rosa. Il colore degli occhi deve sempre essere arancio o rame, ad eccezione dei Persiani bianchi che possono presentare anche occhi impari (un occhio arancio e uno blu o color rame) o entrambi color rame o blu, questi ultimi però sono indice di sordità fin dalla nascita, a causa di un fattore genetico; invece gli impari con occhio blu, possono risultare sordi dall’orecchio adiacente all’occhio blu.
– Tabby: presentano dei disegni tipici del gatto selvatico. Esistono varie varianti del disegno del mantello, esempio il Blotched, caratterizzato da disegni a forma di cerchi concentrici più marcati sui fianchi, da tre linee ben marcate sulla spina dorsale e da striature parallele sulla testa, zampe e coda; il Tigrè (o Mackerel), caratterizzato da striature su muso, zampe, coda e dorso molto più leggeri e fini rispetto alla varietà precedente, sui fianchi presenta linee verticali e parallele; lo Spotted, caratterizzato da macchie tonde sui fianchi e leggere striature su muso, zampe e coda. I tabby sono riconosciuti nei colori nero, blu, chocolate, lilac, rosso, crema, tortie (squama di tartaruga) nero, tortie blu, tortie chocolate, tortie lilac. Tutti questi colori sono riconosciuti anche con la base del mantello argentata e vengono detti, in base al colore del mantello, Silver o Cameo. Gli occhi devono essere sempre arancio.
– Chinchilla: ha un aspetto lucente; ne esistono quattro sottovarietà: il Chinchilla Silver, caratterizzato dall’avere gli occhi verdi, con palpebra, tartufo nasale e labbra cerchiati del colore della pigmentazione del mantello, generalmente nero o più raramente blu, chocolat o lilac. Essi hanno la base del mantello bianco argento, tranne sulla punta, dove è nero o più raramente blu, chocolat o lilac. Il Chinchilla golden, caratterizzato dal mantello color crema caldo e intenso, dandogli un aspetto dorato. Gli occhi, le labbra e il naso sono contornati di marrone. Il tartufo è rosa scuro; i cuscinetti plantari sono marroni; il colore degli occhi è verde o
verde blu. Le varietà Shaded silver e Shaded golden sono generalmente più scure.
– Parti-color: hanno la caratteristica di essere in alta percentuale di sesso femminile; i colori in questo caso sono miscelati tra loro e possono avere le seguenti tonalità: tortie nero, tortie blu (blu-crema), tortie chocolate, tortie lilac. Gli occhi devono essere di color arancio.
– Colorpoint: mantello caratterizzato dalle stesse sfumature appartenenti al gatto Siamese, cioè il colore si addensa nelle aree dove la temperatura è inferiore: muso, orecchie, zampe, coda, testicoli nei maschi. Il resto del corpo è di una tonalittà chiara, che va dal bianco al beige, a seconda dei colori che sono: seal point, blu point, chocolate point, lilac point, red point, cream point, seal tortie point, blu tortie point, chocolate tortie point, lilac tortie point. Tutti questi colori sono riconosciuti anche con il disegno Tabby sull’addensamento di colore. gli occhi devo essere di colore blu.
– Bicolor: è formato da un colore uniforme e dal bianco. Ci sono tre distinzioni: i Bicolori o Tricolori, Arlecchino e Van. I Bicolori Van presentano un mantello bianco con colorazione all’estremità, ammesse una o due pezzature sul corpo. Molto ricercata nei gatti bicolor è la “V” rovesciata bianca sul muso. I colori ammessi uniti al bianco sono: nero, blu, rosso, crema, chocolate, lilac e tortie. Le pezzature possono essere Solide o Tabby. Gli occhi devono essere arancio; esistono rarità ammesse anche di occhi impari (un occhio arancione ed uno azzurro).
– Smoke: il gatto a riposo presenta un colore uniforme, ma quando si muove appare il contrasto con la chiarissima radice del pelo. Il pelo dunque è colorato solo per metà. Nella sottovarietà Shaded il pelo è colorato solo per un terzo; nello Shell la pigmentazione si riduce ad un ottavo. Gli occhi devono essere sempre arancio.

Standard

Categoria: Pelo lungo.
Corporatura: Da media a robusta.
Corpo: Di tipo cobby, zampe corte e petto ampio. Spalle massicce e schiena muscolosa, senza dare segni di obesità.
Mantello: Lungo e folto. Di struttura fine, lucido e setoso al tatto, con gorgiera folta sulle spalle e sul petto.
Testa: Rotonda e voluminosa con cranio largo. Essa è situata su un collo corto e spesso. La struttura del cranio deve essere rotonda al tatto. fronte bombata; mascelle e mandibole potenti. Guance piene.
Occhi: Grandi e rotondi, ben distanziati, conferendo la tipica espressione dolce. Presentano colori brillanti.
Naso: Corto e largo con stop marcato.
Orecchie: Piccole con punta arrotondata, leggermente inclinate in avanti e non eccessivamente aperte alla base. Ben distanziate e inserite piuttosto basse sulla testa.
Mento: pieno, ben sviluppato, arrotondato e forte.
Arti: Corti, robusti e forti. Arti anteriori diritti. Gli arti posteriori, osservati da dietro, risultano diritti.
Piedi: Larghi, tondi e forti. Sono tollerati ciuffi di pelo tra le dita.
Coda: Corta, ma proporzionata alla lunghezza del corpo.
Penalità: Coda piegata o anomala; Presenza di medaglione; Evidente deformità della colonna vertebrale; Aspetto asimmetrico della testa; Errato colore degli occhi.