L’angolo della Poesia

Provvidenza

Io tengo ‘nu cumpare

ca veramente è buono comme ‘o ppane.

‘na Pasca a mme me pare,

pe’ quanto è buono po’ tanto è alla mano.

Aggia pavà ‘o pesone?

E stu cumpare mette mano a’ sacca.

Niente le fa impressione:

pe’ mme ‘e denare proprio ‘e ghiètte a ssacco.

E’ proprio na putenza.

Chistu cumpare tanto affezionato …

‘Na vera provvidenza

ca me mantene ‘a ogni ‘nciambeccata …

Mogliema me mulesta,

ma quanno sta ‘o cumpare in casa mia …

p’essa e pe’ mme è ‘na festa …

io sulo tanno stongo ‘ngrazia ‘e Ddio!

G. Di Roberto

L’angolo della Poesia

L’umanità

‘A gente ca cammina ‘n miezo ‘a via,

cu’  ‘a faccia allera e ll’aria indifferente,

nun dice ‘a verità e, umanamente,

s’è mmisa ‘a maschera d’  ‘a fentaria.

Se invece ‘e mustà ‘a faccia, chesta gente,

mustàsse ‘o core, allora vedarriste

gente ‘nchiuvate ‘n croce comm’ a Cristo

e ‘o core caccià lacreme cucente.

Ognuno tene ‘n cuorpo pene amare,

palpite, spine, trièmmole e paure,

‘o core è straziato da ‘e dulure

Songo tragedie grosse quant’  ‘o mare:

chi cu’  ‘o marito “a spasso” ‘n miezo ‘a via

oppure cu’ nu figlio carcerato

o, peggio ancora, fràceto, drogato,

o sta tremmanno pe’ na malatia.

Tutta l’umanità se porta doce,

indifferentemente e rassignata,

quase quase se fosse abituata,

chillu pezzullo, ca le spetta, ‘e Croce.

V. Fasciglione

L’angolo della Poesia

Llultemo – 2

nun appena veco ‘a luntano

‘stu ziracchio ch’aspetta, ‘a sera,

serio serio, pe’ vasà ‘a mano,

che vulite ca dint’a niente

se schiarisce ‘sta mala cera

e me scordo tutt’  ‘e turmiente.

Comm’  ‘e rrose songo ‘e ccriature,

ca s’arapeno albante juorno;

songo ‘o Sole ca luce attuorno;

songo ‘a luce d’  ‘e core ascure.

So’ prumesse ch’a gghjuorno a gghjuorno

se fanno sempe cchiù sicure…

Pe’ nnuje, viecchie, songo ‘o ritorno

d’  ‘e primm’anne, d’  ‘e primme sciure.

Nuie, vedennole, ce vedimmo

n’ata vota piccerenielle…

Mmiezo a lloro nuie ce sentimmo

turnà bbuone, turnà nnucente;

e strignenno chelli manelle

simme felice overamente.

Edoardo Nicolardi

L’angolo della Poesia

Llultemo

Chesta altezza: miezo varrile;

poco poco cchiù autulillo,

biondo, vispo, fino, gentile.

Si ‘o vedite quant’è carillo!

Mo’ ha fernuto quatt’anne: a Aprile;

ma che stoppa! ch’aruculillo!

‘Nu giudizio accussì suttile

ca maie pare nu piccerillo!

‘Na guardata chiara e ‘spressiva;

‘na resella ca va nu banco;

nu talento ca sa’ addò arriva!

Si ‘o vedite quanno cammina,

cu’ ‘na mano dint’  ‘a  ‘nu fianco,

ch’aria scònceca e malandrina!

Quanta vote ca me retiro

Stracquo e strutto – mannaggia ‘a morte -.

quanta vote ca stongo niro

pecchè ‘e ccose so’ ghiùte storte;

pecchè veco ca voto e giro

ma nun quaglia pe’ bbia d’  ‘a sorte

ca fino all’ultimo suspiro

me vo’ nchiudere tutt’  ‘e pporte;

Edoardo Nicolardi – continua domani

L’angolo della Poesia

A Piererotta

‘A sera ‘e Piererotta, ‘a int’ ‘e Lanzière,

‘A copp’ a na ventina ‘e palazzuole,

Vestute comme jeveno ‘e guarriere,

Partettero aunite; e a ccapa lista

Nce jeva ‘o figlio ‘e Rosa ‘ncopp’  ‘o ciuccio,

Cu nu castiello ncapo, ‘e cartapista.

Passajeno pe’ Tuleto, passe passe,

Sunanno trummettelle e siscarielle,

Tammore, putipù e scetavajasse.

Quann’arrivajeno nnant’ ‘o “Cambrinusso”

Fermàjeno e se cantajeno quatto vote

Na canzuncella ‘e Ferdinando Russo…

Ma quanno fuje vicino Piererotta

Penzajeno ‘e fa na guerra; e dopp’  ‘a guerra

Chiù d’uno se truvaje c’ ‘a capa rotta…

Currettero mazzate… quacche cosa

Peggio d’  ‘o Quarantotto! Pur’  ‘o ciuccio

Avette ‘a parta soja; e ‘o figlio ‘e Rosa,

Pe mezzo ‘e nu crisuommolo int’  ‘e rine,

Fuje carriato int’ a na carruzzella,

‘E pressa ‘e pressa, ‘ncopp’ ‘e Pellerine.

‘O rieste se turnajeno int’  ‘e Lanziere

‘e na manera ca, a vvederle sulo,

Parevano ‘a zuzzimma d’  ‘e guarriere!

P. Ponzillo

L’angolo della Poesia

‘A mundana – 3

Nun appena fuie ‘ncoppa ‘a Sezione,

se mettette alluccà comme a ‘na pazza.

‘E strille se sentevano a ‘o puntone.

“Ch’è stato, neh? Ched’è chisto schiamazzo?

Avanti, fate entrà sta… Capinera” –

dicette ‘o Cummissario a ‘nu piantone.

E ‘o milite, cu grazia e cu maniera,

‘a votta dinto cu ‘nu sbuttulone.

“Ah! Si’ tu?” – dicette ‘o funzionario –

“Si nun mme sbaglio, tu si’ recidiva?

Si’ cunusciuta ccà a Muntecalvario.

Addò t’hanno acchiappata, neh, addò stive?”

“All’angolo d’  ‘o vico ‘a Speranzella.

Steva parlanno  cu ‘nu marenaro,

quanno veco ‘e passà ‘na carruzzella

Cu’ dinto don Ciccillo ‘o farenaro.

Don Ciccio fa ‘nu segno: “Fuitenne!

Curre ca sta passando ‘o pattuglione”.

‘I dico a ‘o marenaro: “Iatevenne.

Stu brigadiere ‘o saccio… è ‘nu ‘nfamone”.”

“A legge è legge” – dice ‘o cavaliere -;

“nun aggio che te fa’, ragazza mia.

I’ te cunziglio: lassa stu mestiere,

e lievete pe’ sempe ‘a miezo ‘a via.”

“E che mme metto a ffa’, signore bello,

‘a sarta, ‘a lavannara, ‘a panettera?

Spisso mm’  ‘o sento chistu riturnello.

“E truòvete ‘nu posto ‘e cammarera!”

“Signò, dicite overo ‘o pure apposta?

Vulite pazzià? E nun è umano.

V’  ‘a mettìseve dinto ‘a casa vosta

chi… pe’ disgrazia ha avuta fa’  ‘a puttana?!”

Antonio De Curtis in arte Totò

Versione

La mondana (la puttana)

Non appena fu nel Commissariato,

si mise a strillare come una pazza.

Gli strilli si sentivano fino in cima.

“Cosa è stato, neh? Cos’è questo schiamazzo?

Avanti, fate entrare questa… Capinera” –

disse il Commissario ad un piantone.

E il militare con grazia e con maniere,

la spinge dentro con uno spintone.

“Ah! Sei tu?” – disse il funzionario –

“Se non mi sbaglio, tu sei recidiva?

Sei conosciuta qui a Montecalvario. (quartiere napoletano)

Dove ti hanno presa, neh, dove stavi?”

“All’angolo del vico Speranzella.

Stavo parlando con un marinaio,

quando vedo passare una carrozzella

Con dentro don Francesco il venditore di farina.

Don Francesco mi fa un segno: “Scappatene!

Corri che sta passando la volante.

Io dico al marinaio: Andatevene.

Questo brigadiere lo conosco… è un grande infame.”

“La legge è legge” – dice il commissario -:

“non ho che farti, ragazza mia.

Io ti consiglio: lascia questo mestiere,

e togliti per sempre da mezzo alla strada.”

“E che mi metto a fare, signore bello,

la sarta, la lavandaia, la panettiera?

Spesso me lo sento questo ritornello.

“E trovati un posto da cameriera!”

“Signore, dite sul serio o fate finta?

Volete giocare? E non è umano.

Vi mettereste dentro casa vostra

Chi… per disgrazia ha dovuto fare la puttana?!”

L’angolo della Poesia

‘A mundana – 2

Quase ogne ghiuorno, ‘a povera figliola

apprufittava ca ‘na carruzzella

a Nnapule scenneva d’Afragola

pe’  ‘nu passaggio fino ‘a Ruanella.

‘O nomme? Nun ‘o saccio.

Saccio sulo ca ‘e ccumpagne

‘a chiammaveno “’A pezzente”.

Pe’ sparagnà, ‘a sera, dduie fasule,

e, spisse vote, nun magnava niente!

Cu’ chelle ppoche lire ch’abbuscava

aveva mantene’ tutt’  ‘a famiglia;

e quanno ‘e vvote po’ … nun aizava,

steva diuno ‘o pate, ‘a mamma e ‘o figlio.

‘O pate, viecchio, ciunco … ‘into a ‘nu lietto

senza lenzòle, cu’  ‘na cupertella.

E ‘a mamma ca campava pe’ dispietto

d’  ‘a morte e d’  ‘a miseria. Puverella!

A piede ‘o lietto, dinto a nu spurtone,

‘na criatura janca e malaticcia,

pe’ pazziella ‘nmano ‘nu scarpone

e ‘na tozzola ‘e pane sereticcio.

Antonio De Curtis in arte Totò – Continua domani

Versione

La mondana (la puttana)

Quasi ogni giorno, la povera ragazza

approfittava di una carrozza (all’epoca la tratta era effettuata dai tram trainati dai cavalli)

che a Napoli veniva da Afragola

per un passaggio fino alla Doganella. (la strada che costeggia l’aeroporto di Capodichino)

Il nome? Non lo conosco.

So solo che le compagne

la chiamavano “La pezzente”.

Per risparmiare, la sera, due fagioli,

e molte volte, non mangiava niente!

Con quelle poche lire che guadagnava

doveva mantenere tutta la famiglia;

e quando poi le volte … non guadagnava niente,

stava a digiuno il padre, la madre e il figlio.

Il padre, vecchio, paralitico … dentro a un letto

senza lenzuola, con una copertina.

E la mamma che viveva solo per dispetto

della morte e della miseria. Poverina!

Ai piedi del letto, dentro a una grossa cesta,

una creatura bianca e malaticcia,

per giocattolo in mano aveva una pantofola

e un tozzo di pane raffermo.

L’angolo della Poesia

‘A mundana

“Cammina, su, non fare resistenza!”

Diceva ‘o brigadiere, e ‘a strascenava.

“Sta storia, adda fernì, è un’indecenza!”

“Chi sa c’ha fatto” – ‘a ggente se spiava.

“C’ha fatto?” – rispunnette ‘nu signore.

“E’ ‘na povera ddia… è ‘na mundana.”

“E ‘a porteno accussì? Gesù, che core!” –

murmuliaie Nannina “’a parulana”.

“Lassateme… nun aggio fatto niente!”

“E lass’  ‘a jì” – dicette ‘nu cucchiere –

“ma vuje ‘e vvedite quanto so’ fetiente?”

“Nce vo’  ‘nu core a ffa’ chillu mestiere.”

“Sta purtanno ‘o brigante Musolino” –

se mettette alluccà Peppe “’o Fravaglia”;

“Si ‘o ssape ll’’onorevole Merlini

‘o fa ‘a proposta p’  ‘o fa’ ave’  ‘a medaglia”.

Antonio De Curtis in arte Totò – Continua domani

Versione

La mondana (la puttana)

“Cammina, su, non fare resistenza!”

Diceva il brigadiere, e la trascinava.

“Questa storia deve finire, è un’indecenza!”

“Chissà che cosa ha fatto” – la gente si chiedeva.

“Che ha fatto?” – rispose un signore.

“E’ una povera diavola… è una puttana.”

“E la portano in questo modo? Gesù, che cuore!”

mormorò Nannina (diminutivo di Anna) “la fruttivendola”.

“Lasciatemi… non ho fatto niente!”

“E lasciala stare” – disse un cocchiere (conducente di carrozze)

“ma voi li vedete quanto sono fetenti? (cattivi)

“Ci vuole un cuore (coraggio) per riuscire a fare quel mestiere.”

“Sta portando il brigante Musolino” – (brigante storico noto per la sua ferocia)

si mise a strillare Peppe (Giuseppe) “il pescivendolo”

“Se lo viene a sapere l’onorevole Merlin (la firmataria della legge per l’abolizione delle case chiuse)

Lo propone per una medaglia”. (ironia napoletana nei confronti del brigadiere)

L’angolo della Poesia

‘E rrose

Signò nun ‘e tuccate cchiù ‘sti rrose

pecché nisciuno è degno d’ ‘e tuccà…

‘E rrose nun so’ comm’  ‘a ll’ati ccose,

so’ fatte sulamente p’  ‘e guardà.

I’ po’ mm’  ‘e guardo ‘int’  ‘o ciardino, ‘nfòse,

e v’assicuro ca fanno ‘ncantà

e penzo e ddico: ca so’ ppoche ‘e spose

ca ponno chesti rrose meie purtà.

Si ‘e ttocca, forze, quacche guagliunciello

che ffa – che ffa – è n’anema ‘nnucente;

ma nuie nun simme senza ‘o peccatièllo

pirciò nisciuno ‘e ccoglie e i’ so’ cuntento.

L. Esposito

Note alla Poesia Marzo 1821

Soffermati: dopo aver varcato il Ticino, che segnava una barriera non solo fisica tra piemontesi e lombardi, è naturale che i nuovi Italiani si soffermino un attimo a ripensare all’impresa compiuta, per ricontrollarne la validità morale, per misurare quasi la grandezza di essa e il successivo impegno per l’avvenire.

arida sponda: i patrioti si sono inoltrati fino alla parte non più bagnata dalle acque.

tutti assorti: non la gloria o la gioia dell’impresa compiuta, ma la chiara coscienza di un dovere che resta ancora da condurre a termine e la visione delle difficoltà ancora da affrontare, determinano questo atteggiamento.

antica virtù: la virtù dei padri.

Un giuramento semplice, lineare, ovvio, che è espresso in forma epigrafa.

Il giuramento non è rimasto isolato, perché altri spiriti forti rispondevano a quel giuramento (giuro).

da fraterne contrade: da regioni abitate da altri che si sentivano ugualmente italiani e che la politica aveva divisi con confini non segnati dalla natura; non si tratta solo della Lombardia, ma anche di altre regioni; è, insomma, tutta l’Italia, almeno nella immaginazione del poeta, che si sveglia e che in un primo tempo si prepara in tutta segretezza (affilando nell’ombra le spade), fin quando viene il grande momento della lotta aperta, condotta con chiara visione dei fini da raggiungere.

levate: sguainate.

scintillano al sol: in contrasto con la preparazione condotta tutta in segreto e nella paura.

Il giuramento vien pronunciato secondo la formula tradizionale: darsi la destra, ripetere la formula resa sacra dalla volontà di sacrificio che chiama Dio a testimonio; chiarezza di finalità, senza soluzioni intermedie o di compromesso; o liberi o morti in comunità d’intenti, di azioni e di sorte.

Chi potrà… dolor: colui che potrà dividere e distinguere (scerner) le acque della duplice Dora (Dora Baltea e Dora Riparia), della Bormida che affluisce nel Tanaro, del Ticino e dell’Orba che scorre in mezzo alle selve (selvosa), dopo che queste acque si sono versate nel Po; colui che riuscirà a togliere al Po (stornargli) le acque (correnti) del Mella (rapido per la forza delle acque e per il forte declivio della sua valle) e dell’Oglio (le acque del Mella e dell’Oglio sono dette miste perché si uniscono prima di affluire nel Po); colui che potrà ritogliergli le acque che l’Adda, dopo averle ricevute da mille torrenti, ha versato nel suo letto, ebbene, costui riuscirà a spezzare e a dividere ancora (scindere) e a ridurre ancora una volta in tanti volghi degni di disprezzo, il popolo italiano risorto, ricacciandolo indietro contro la volontà dei fati e contro l’evoluzione portata dal seguito degli anni e dei secoli, riducendolo all’antico avvilimento e riportandolo ai dolori antichi (prischi).

una gente… mare: un popolo che o sarà libero tutto dalle Alpi fino al mare o sarà tutto per sempre schiavo.

In forma epigrafica vien data dal Manzoni la definizione di nazione, una definizione valida ancora oggi e che i nostri padri sentirono come dogma preciso quando dalla prima guerra d’indipendenza del 1848 fino al primo conflitto del 1915 combatterono e morirono per ridare all’Italia una realtà politica e geografica, ma soprattutto spirituale secondo la definizione manzoniana: l’unità di un popolo risulta dal concorrere della comunanza di lingua, di religione, di tradizioni, di origini, di ideali, delle quali cose l’unità delle armi è solo la conseguenza più appariscente e, nei momenti del comune pericolo, più efficace.

Viene ora descritto lo stato di avvilimento degli Italiani prima della loro resurrezione a dignità di nazione; in particolare lo sguardo si volge ad osservare lo stato dei lombardi, che ora sono insorti a rivendicare la libertà e l’unità della patria. Per l’esatta comprensione dei versi, ordina: “Il lombardo doveva stare nella sua terra con quel volto sfiduciato e avvilito, con quello sguardo volto a terra ed incerto con il quale sta un mendicante sopportato per pietà in terra straniera.

voglia: capriccio, arbitrio.

legge: precetto da osservare.

Il suo destino veniva stabilito dagli altri, senza che lui, che ne era la vittima, potesse intervenire nella decisione.

servire e tacer: ogni residuo di dignità sembrava per sempre distrutto e si concretava appunto nel servire ciecamente e bestialmente.

retaggio: eredità, diritto naturale, tradizione.

strappate le tende: affrettatevi ad andar via.

Sembrò, in effetti, che i moti del ’21 stessero per determinare uno sconvolgimento definitivo, da cui dovesse nascere l’italica libertà; il poeta precorre gli eventi, che, invece, ebbero sviluppo ed esito ben diversi e contrari alle aspirazioni dei patrioti.

barbari: in questo caso barbari perché opprimono un popolo, e non perché discendenti dagli Ostrogoti.

O stranieri! … ragion: gli Austriaci nel 1814, crollato il dominio napoleonico, avevano solennemente promesso, per bocca dell’arciduca Giovanni e di altri, che avrebbero ridato agli Italiani l’indipendenza loro tolta dai Francesi: ma poi, non solo non avevano tenuto fede all’impegno, ma avevano addirittura impedito con feroce repressione ogni anelito degli Italiani alla libertà. Il Manzoni accomuna in questa strofa Austriaci e Tedeschi, sia perché erano della stessa stirpe, sia perché i secondi approvavano e appoggiavano la politica dei primi; questi stranieri, dice il poeta, si erano obbrobriosamente macchiati di tradimento, intraprendendo una iniqua tenzone con gli Italiani (e qui il poeta allude agli Austriaci); questi stranieri, nei giorni in cui avevano subito il dominio napoleonico (in quei giorni) avevano invocato altamente (a stormo) l’aiuto di Dio per scacciare i Francesi oppressori (la forza straniera), proclamando la libertà di ogni gente e condannando l’iniqua ragione della spada (e qui si tratta dei Tedeschi che avevano preso le armi contro Napoleone, sconfiggendolo a Lipsia). Ricordate che l’ode è dedicata ad un eroe di quella lotta, a Teodoro Koerner, caduto a Lipsia.

preme: copre.

vostri oppressori: i Francesi di Napoleone, uccisi a Lipsia.

estranei signori: dominatori stranieri.

tanto amara… quei dì: fu per voi tanto amara, intollerabile nel tempo in cui foste oppressi.

chi v’ha detto… genti: perché dovete ritenere che la triste condizione (lutto) degli Italiani debba rimanere sempre tale (sterile, eterno)?

Il tono persuasivo che, sin dalla strofa precedente, ha fatto un po’ calare l’impeto dell’ode, prende qui una più evidente significazione. L’argomentazione è semplice, ma anche chiaramente minacciosa: quel Dio che udì i lamenti degli stranieri quando questi erano oppressi e che consentì loro di premere il corpo del loro oppressori, non potrà essere sordo ai lamenti degli Italiani, oggi oppressi da coloro che fino a ieri invocavano il suo aiuto.

Due esempi della giustizia divina, che non potrà mai venir meno; Dio sommerse (chiuse) nelle acque del Mar Rosso (nell’onda vermiglia) il malvagio (il rio) Faraone che col suo esercito inseguiva il popolo d’Israele in fuga per sottrarsi alla schiavitù d’Egitto; Dio pose il martello (maglio) nel pugno del virile (maschia) ebrea Giale e guidò il suo colpo, quando uccise nel sonno, conficcandogli un chiodo in testa, il nemico della sua gente. Sisara, capitano del tiranno Jabin, dopo averlo attirato nella sua tenda. In quest’ultimo esempio il Manzoni vede la volontà di Dio, che arma la mano del debole perché non soggiaccia al volere del prepotente.

l’ugne: le unghie.

dovunque… servaggio: dovunque è arrivato il dolente grido della tua lunga schiavitù.

dove ancor… non è: dove non è ancora abbandonata (deserta) ogni speranza nella dignità umana (lignaggio = stirpe).

dove ancor… matura: dove in segreto i popoli oppressi si preparano a conquistare la libertà.

ha lacrime: è compianta.

Troppe volte l’Italia ha confidato nell’aiuto straniero per porre fine alle sue condizioni di schiavitù: per questo con ansiosa attesa ha sperato di vedere (spiasti) apparire un amico stendardo dalle Alpi o ha teso lo sguardo sull’Adriatico e sul Tirreno (duplice mar) dove però non s’è vista alcuna nave amica (e per questi deserti).

Son finiti, dice il poeta, quei tempi tristi: ora all’Italia daranno aiuto i suoi stessi figli, impetuosamente insorti dal suo seno stesso (dal tuo seno sboccati), stretti intorno al santo tricolore, i quali nel dolore troppo a lungo patito hanno trovato la forza d’animo necessaria e la ferma decisione a combattere.

Oggi, o forti, lampeggi (baleni) sui volti l’ardore (furor) tanto a lungo covato nel segreto degli animi (menti segrete): si combatte per l’Italia, dunque dovete vincere! Il destino d’Italia, è affidato alle vostre spade (brandi). O la vedremo risorta per merito vostro, seduta al consesso (convito) dei popoli, con dignità pari a quella delle altre nazioni, o, vinta, resterà sotto l’orribile bastone dell’oppressore (l’orrida verga), più serva, più avvilita, più disprezzata di prima.