L’Angolo della Poesia

L’angolo della Poesia

Mamma – versione

Se non tenessi te, come farei

a guardare in faccia alla vita ho mamma bella?

Tu mi rimani, tu mi insegni la strada

più semplice, sicura e giusta.

Se non tenessi te, come farei?

Tu mi hai insegnato il bene, tu l’amore;

Tu mi hai insegnato la gioia della preghiera….

Mi desti anche un cuore gentile

Che vede anche nell’inverno la primavera!

tu mi hai insegnato il bene, tu l’amore!

Vorrei vederti sempre un sorriso

Sopra la tua bocca piena di santità;

e per una volta sola, il paradiso,

vorrei poterti dire: Prendi mamma!

Vorrei vederti sempre un sorriso!

Sapessi che sollievo sei per me

quando mi dici una parola cara;

e questo basta per me pareggia

questa vita oscura come la luna chiara!

Sapessi che sollievo sei per me!

L’Angolo della Poesia

Mamma

Si nun tenesse a tte, comme farrja

a guardà ‘nfaccia ‘a vita, oj mamma bella?

Tu me rimmane, tu me ‘mpare ‘a via

cchiù semplice, sicura e accunciulella.

Si nun tenesse a tte, comme farrja? …

Tu m’hè ‘mparato ‘o bene, tu l’ammore;

Tu m’hè ‘mparato ‘a gioia d’  ‘a preghiera …

Me diste pure nu gentile ‘e core

ca vede pure a vierno ‘a primmavera!

tu m’hè ‘mparato ‘o bbene, tu ll’ammore!

Vurria vederte sempe ‘nu surriso

‘ncopp’ ‘a sta vocca chiena ‘e santità;

e pe’ ‘na vota sola, ‘o paraviso,

vurria puterte dì: Piglia, mamma!

Vurria vederte sempe ‘nu surriso!

Sapisse che sullievo sì pe’ mme

Quanno me dice ‘na parola cara;

e chesto basta pe’ me fa parè

‘sta vita scura comm’ ‘a luna chiara!

Sapisse che sullievo sì pe’ mme!

F. Masullo

A domani per la versione

L’angolo della Poesia

Patriottismo – versione

Io sono uno che non ha una casa da quando sono nato

e tante volte dormo in mezzo a una strada;

ne sa qualcosa la Stazione dei treni,

da dove ne vengo spesso allontanato.

Ho fatto domande dappertutto

al Comune, alla Regione, alla sede Vescovile.

Sapete che risposta tutti mi hanno dato?

“Ci sono trentamila domande prima della vostra!”

Mia moglie sono tre anni che mi ha lasciato,

una figlia mia la stanno crescendo un’altra famiglia

e si è dimenticata anche che mi è figlia;

ma io prendo tutto con pazienza (rassegnazione).

Solo una cosa a me dispiace:

adesso che è la Festa della Liberazione

io senza una finestra e nemmeno un balcone

non posso mettere fuori la bandiera.

L’Angolo della Poesia

Patriottismo

Io songo nu sfrattato ‘a che so’ nato

e tanta vote dormo mmiez’ ‘a via;

ne sape quacche cosa ‘a Ferrovia,

Addò ne vengo spisso alluntanato.

Aggio fatto dimanne tuorno tuorno,

a ‘o Comune, a’ Regione, a ‘o Viscuvato.

Sapìte che risposta m’hanno dato?

“Nce stanno trentamila primma ‘e vùje!”

Muglièrema ‘a tre anne m’ ha lassato,

na figlia mia s’ ‘a cresce na famiglia

e s’è scurdata pure ca m’è figlia;

ma io piglio tutto cu’ pacienza.

Sulo na cosa a mme me dispiace:

mo vene ‘a Festa d’ ‘a “Libberazione”,

e io senza na fenesta o nu balcone

nun pozzo fore mettere ‘a bannèra!

Gennaro Esposito

A domani per la versione.

L’angolo della Poesia

Mi piaci silenziosa

Mi piaci silenziosa, perché sei come assente,

mi senti da lontano e la mia voce non ti tocca.

Par quasi che i tuoi occhi siano volati via

ed è come se un bacio ti chiudesse la bocca.

Tutte le cose sono colme della mia anima

e tu da loro emergi, colma d’anima mia.

Farfalla di sogno, assomigli alla mia anima

ed assomigli alla parola malinconia.

Mi piaci silenziosa, quando sembri distante.

E sembri lamentarti, tubante farfalla.

E mi senti da lontano e la mia voce non ti arriva:

lascia che il tuo silenzio sia il mio silenzio stesso.

Lascia che il tuo silenzio sia anche il mio parlarti,

lucido come fiamma, semplice come anello.

Tu sei come la notte, taciturna e stellata.

Di stella è il tuo silenzio, così lontano e semplice.

Mi piaci silenziosa perché sei come assente.

Distante e dolorosa come se fossi morta.

Basta allora un sorriso, una parola basta.

E sono lieto, lieto che questo non sia vero.

Pablo Neruda

L’angolo della Poesia

Mamma – versione

Se non tenessi te, come farei

a guardare in faccia alla vita ho mamma bella?

Tu mi rimani, tu mi insegni la strada

più semplice, sicura e giusta.

Se non tenessi te, come farei?

Tu mi hai insegnato il bene, tu l’amore;

Tu mi hai insegnato la gioia della preghiera….

Mi desti anche un cuore gentile

Che vede anche nell’inverno la primavera!

tu mi hai insegnato il bene, tu l’amore!

Vorrei vederti sempre un sorriso

Sopra la tua bocca piena di santità;

e per una volta sola, il paradiso,

vorrei poterti dire: Prendi mamma!

Vorrei vederti sempre un sorriso!

Sapessi che sollievo sei per me

quando mi dici una parola cara;

e questo basta per me pareggia

questa vita oscura come la luna chiara!

Sapessi che sollievo sei per me!

L’angolo della Poesia

Mamma

Comme si vecchia, oj mà, comme sì vecchia:

hè fatto ‘a capa janca, ‘e rappe ‘nfaccia;

te tremmano ‘sti mane e senza forza

m’astrigne ammalapena ‘int  ‘a sti braccia.

Vedenno l’uocchie tuòje miez’ appannate

‘st’anema mia se sente dint’  ‘o ffuoco;

Madonna mia! Mantiènele appicciate

‘sti lampetelle ancora ‘n’atu poco.

Vurria sunnà na notte ca tenisse

Tutt’  ‘e capille nire e anella anella,

comme ‘nu piccerillo m’addurmisse

cantanno nonna nonna nunnarella.

Ah, si putesse dì: Fermate, tiempo,

chist’ è l’ammore mio, nun m’  ‘o tuccà,

quanno è fernuto l’uoglio ‘int’  ‘a sta lampa

io resto ascùro e che ‘nce campo a ffà!

Ah, si putesse dì: Fermate tièmpo!

S. Varriale

A domani per la versione

L’Angolo della Poesia

‘O cippo ‘e Sant’Antuòno – 4

Legne, pampuglie e sprocchele

A dato ‘o mastorascia.

Furnà, manne doje sàrcene …

Pastà, manne ‘na cascia.

Jamme, ch’è tarde, jamme …

‘A rrobba già ce abbasta.

A gloria ‘e Sant’Antuòno,

facimmo ‘sta catasta.

Scustàteve … Allummamme …

Guagliò, lèvate ‘a llòco.

Menamme tutt’ ‘e riebbete,

‘e guaje dint’ ‘o ffuoco.

Ebbiva Sant’Antuono …

Ogne anno ‘o Santo ‘o bbo’.

Sparate ‘e trezziole …

Vivòoo! … Vivòoo! … Vivòoo! …

(P. Cinquegrana)

L’Angolo della Poesia

‘O cippo ‘e Sant’Antuòno – 3

Sculare e scularièlle,

‘o sturio cchiù nun renne.

Menàte ‘a copp’ abbascio

Libbre, quaterne e ppenne.

D’ ‘o lleggere e dd’ ‘o scrivere

Lassàte sta’ ‘o mestiere.

Sentite a mme, faciteve

chianchiere e ssalumiere.

Nnanz’a ‘stu bancariello,

mastu Francì, che ffaje …

fatiche nott’ e ghjuòrno,

e sempe scàuzo vaje.

Abbrucia tutte cose,

ca ‘o Santo nun s’ ‘o ttene.

T’aràpe ‘o magazzino

E avràje furtuna e bene.

Continua

L’Angolo della Poesia

‘O cippo ‘e Sant’Antuòno – 2

  • Menàte! … ‘A rrobba vecchia

Nun serve cchiù, nun giova.

Levàteve ‘a crerènza

Che ‘o Santo v’ ‘a fa nova.

C’ ‘a vita accussì cara,

cu’ tutta ‘sta scajènza,

popolo bellu mio

c’ ‘a tiene a ffa’  ‘a crerenza?

  • Menàte a Sant’Antuòno …

Menate, ca stasera

Vulimmo fa’ nu cippo

C’à da purtà ‘a bannèra.

‘Nfi a ncopp’ ‘o quinto piano

‘e llampe ann’ ‘a saglì …

Signò, menàte ‘a tavula …

A che v’ ddà servi? …

Continua domani.

L’angolo della Poesia

‘O cippo ‘e Sant’Antuòno

  • Menate a Sant’Antuòno …

Menàte rrobba assaie,

Vulimmo fa’ nu cippo

Ca nun s’è visto maie

Menàte mmiez’ ‘a via

‘a robba vecchia e rotta:

scanzie, segge scassate …

Guagliò, lèvat’ ‘a sotta.

Paffete! … Ch’è carùto?

  • Hanno menato ‘a coppa,

Forze d’ ‘o quarto piano,

Nu matarazzo ‘e stoppa.

  • Ih che devozione

che tene Pascalotto! …

Che fede! … S’à levato

‘o matarazzo ‘a sotto.

Continua domani.

L’angolo della Poesia

Consiglio – versione

Le grandi cose lasciale fare ai maestri,

cerca di fare bene le cose piccoline.

Le cose grosse le fanno gli scienziati.

A noi ci tocca di fare le cosine:

a voler bene anche a chi non ci vuole bene,

a sopportare anche chi è maleducato,

a dare un aiuto anche a chi non ha

la testa a posto ad uno scombinato.

A trattare tutti come fratelli e sorelle,

senza pensare né come e né perché,

gente del posto oppure gente forestieri

come  vorresti che trattassero a te.

Cancella l’egoismo dal cuore,

se serve, poi, cambiati il nome,

chiamati “fratello” oppure solo “amore”

e dopo, vedi che diventi un uomo.

L’angolo della Poesia

Notte ‘e San Silvestro – 2

Ma l’anno nuovo avverte: Io pure passo!

Pirciò nun ve scurdate d’ ‘o passato.

Nun ve ne jate ‘e cape: stu fracasso

Fa male a chi è malato o è carcerato.

Spassateve stanotte! Tutt’ ‘e pporte

So’ pronto a v’arapì; ma è na partita

Cu’ ‘a sciorta, ‘a malsciorta, e pure ‘a morte;

Sulo l’ammore e ‘o sole songo ‘a vita.

Cu sti biancale pare overo juorno.

Ma io ve voglio di ‘na verità:

sta ‘mbriacatura ‘e gioia tuorno tuorno,

sentite a mme, nun è ‘a felicità.

(R. Di Roberto)

L’angolo della Poesia

Notte ‘e San Silvestro

Che notte chesta notte ‘e frennesia:

pe’ Napule se spara: E’ Capodanno!

A Capemonte, a Chiaia, a’ Ferrovia,

quanta canzone e suone ca se fanno.

Cu botte a muro, tricchetracche e razze,

suone ‘e sirene a mmare e dint’ ‘o puorto,

luce e biancale, scarde ‘e piatte e tazze:

scetateve guagliù! N’ato anno è muorto!

‘A ggente abballa e ride cu’ alleria,

fa brinnese e se vasa cu calore,

quanta scugnizze corrono p’ ‘a via,

stanotte nun se chiagne e nun se more.

L’anno ca se nne va, a male o a bene,

nun ‘o penzammo cchiù, tiramme ‘nnanze!

Scurdammece d’ ‘e diebbete e d’ ‘e ppene;

campammo ancora ‘e zefere e speranze.

Continua domani

L’angolo della Poesia

Scampagnata

A primavera, tiempo ‘e scampagnate,

‘a mamma chiamma ‘a figlia: Abbada a te,

nun t’appartà, sta sempe ‘nzieme a ll’ate

ca ‘a tentazione fa cucù-e-settè;

nun te stènnere ‘n terra ‘ncopp’ ‘o prato

c’ ‘o nnamurato tuio dint’ ‘e campagne;

l’ammore è traditore e fa peccato …

Sì tu te stiènne ‘n terra, mamma chiagne!

A primma sera, ‘o sole già acalàto,

‘a figlia torna allera, ll’uocchie ‘e gioia,

  • Mamma, le dice, stiso ‘ncopp’ ‘o prato

Isso s’è miso: chiagne ‘a mamma sòja! …

(L. Lupoli)

L’angolo della Poesia

Quanno veco – 2

A stu figlio m’ ‘o porto cu’ mmico

Dint’ ‘a villa, a’ partita, ‘nvacanza,

e, parlanno cu bbona crianza,

nun lle faccio maie niente mancà:

scola, libbre, vestite, capricce,

pe’ stu figlio ne porto pacienza …

ma pur’isso, crescenno, già penza:

  • Neh! Stu viecchio addò l’aggia purtà? –

L’aggia nchiudere dint’a ll’ospizio!

Chi ‘o supporta a stu viecchio, è ‘na rogna;

‘a vicchiaia è na brutta carogna …

Io chist’anno me voglio spusà.

E pirciò quanno veco nu viecchio

sulo, triste, malato, scurdato,

penzo e dico, cu’ ‘o core appaurato:

  • Chesta è ‘a fine ca io pure aggia fa? –

(R. Di Roberto)

L’angolo della Poesia

Quanno veco

Quanno veco nu viecchio o na vecchia

ca so’ stanche d’ ‘a vita p’ ‘o stiènto,

dint’ ‘o core na spina me sento

ca me pogne e assai triste me fa.

Ogne ghjuorno ca passa a stu munno,

m’ ‘a pigliàsse cu’ ‘e figlie che, ‘ngrate,

tutt’ ‘o bbene p’ ‘e mamme e p’ ‘e pate

cchiù nun sentono e vonno scialà.

Ogge ‘o viecchio p’ ‘o figlio è ‘nu piso,

s’ha dda chiudere dinto a ll’ospizio!

Me credite? E pigliasse e pe’ sfizio,

‘e mettesse ngalera a scuntà.

Pur ‘i’ tengo nu figlio int’ ‘o core

E pur’isso me vò tantu bene;

ma si penso a’ vicchiaia me vène

na paura ca male me fa.

Continua domani

L’angolo della Poesia

‘A morale d’ ‘e fèmmene – 2

  • Giesù, ma pure a mme capita spisso

Trovarmi innanzi ad un musciomattèo

Che, senza educazione, fisso fisso,

mme guarda ‘e cosce comm’ ‘a nu babbèo.

Perfino ‘o parrucchiano l’altro giorno,

voi ci pensate? Il confessore mio,

mi ha detto sottovoce e senza scorno:

  • Signò tenìte chesta grazia ‘e Dio?
  • Va trova ‘e chistu passo che succede;

Signora mia, non finirà così:

se l’uomo d’oggidì non si ricrede

chi sa ‘a morale addò jarrà a ffernì!

…………………………………………………….

Vedìte ‘a quale pulpito

Adda’ venì sta predica,

mo danno ‘a colpa a ll’uommene.

Giesù vall’ a ccapì …

Pe’ lloro si se spogliano

Nun ce sta niente ‘e male,

po’ parlano ‘e morale:

so’ cose ‘a scemunì!

(S. Tolino)

L’angolo della Poesia

‘A morale d’ ‘e fèmmene

Ddòje femmene se ‘ncontrano

all’angolo d’ ‘o vicolo,

songo belle e giovane,

moderne e assai scì-scì.

Pe’ minionna portano,

parola mia ‘e puèta,

si e no nu palmo ‘e seta

e parlano accussì:

  • Cara signora, l’uomo s’è cambiato,
  • A chi lo dite, a mme? Signora mia,

il mascolo s’è fatto scrianzato:

non ha più forma di galanteria|

  • Galante? E chi v’ ‘e dda? Tutti sfacciati.

Ll’uommene d’oggi fanno sulo pena:

abbàsta ca si sono presentati,

s’allargano cu na proposta oscena.

Oggi sapete che mm’è capitato?

Nun ero manco asciuta d’ ‘o palazzo

Che un uomo, sui quaranta, s’è girato

E m’ha guardato cu dduie uocchie ‘e pazzo.

Continua domani

L’angolo della Poesia

So’ figlio d’ ‘o peccato

Io songo ‘o figlio d’ ‘o peccato, ‘o ssaccio,

e ‘o ssape pure a gente d’ ‘a Nfrascata.

Pigliata, dopp’ ‘o fatto, pe’ nu vraccio,

d’ ‘a casa soia Mammà ne fuie cacciata.

‘A chillo brutto iorno ‘a puverella,

cu ‘o core niro e a faccia chiena ‘e scuorno,

p’ ‘e strate jette a ffà ‘a cacciuttella,

pe s’abbuscà na lira tuorno tuorno,

pe’ purtà nnanze a chella criaturella

‘o frutto doce ‘e n’attemo d’ammore

crisciuta senza maje na cunnulella,

dint’ a nu vascio ch’era nu scurore.

Mo ca so’ “gruosso” e saccio pesà ‘o bene

e ‘o malamente, penzo a tutt’ ‘e schiante

a tutt’ ‘e stiente amare, a tutt’ ‘e ppene

sufferte  ‘nzieme a chella Mamma santa.

Pirciò quanno ‘on Pascale m’ha fermato

e ha ditto: “Peccerì, io so’ papa”.

L’aggio risposto: “No, te sì sbagliato!.

Io songo senza pate, don Pascà”.

(R. Di Roberto)