L’angolo della Poesia

Provvidenza

Io tengo ‘nu cumpare

ca veramente è buono comme ‘o ppane.

‘na Pasca a mme me pare,

pe’ quanto è buono po’ tanto è alla mano.

Aggia pavà ‘o pesone?

E stu cumpare mette mano a’ sacca.

Niente le fa impressione:

pe’ mme ‘e denare proprio ‘e ghiètte a ssacco.

E’ proprio na putenza.

Chistu cumpare tanto affezionato …

‘Na vera provvidenza

ca me mantene ‘a ogni ‘nciambeccata …

Mogliema me mulesta,

ma quanno sta ‘o cumpare in casa mia …

p’essa e pe’ mme è ‘na festa …

io sulo tanno stongo ‘ngrazia ‘e Ddio!

G. Di Roberto

L’angolo della Poesia

L’umanità

‘A gente ca cammina ‘n miezo ‘a via,

cu’  ‘a faccia allera e ll’aria indifferente,

nun dice ‘a verità e, umanamente,

s’è mmisa ‘a maschera d’  ‘a fentaria.

Se invece ‘e mustà ‘a faccia, chesta gente,

mustàsse ‘o core, allora vedarriste

gente ‘nchiuvate ‘n croce comm’ a Cristo

e ‘o core caccià lacreme cucente.

Ognuno tene ‘n cuorpo pene amare,

palpite, spine, trièmmole e paure,

‘o core è straziato da ‘e dulure

Songo tragedie grosse quant’  ‘o mare:

chi cu’  ‘o marito “a spasso” ‘n miezo ‘a via

oppure cu’ nu figlio carcerato

o, peggio ancora, fràceto, drogato,

o sta tremmanno pe’ na malatia.

Tutta l’umanità se porta doce,

indifferentemente e rassignata,

quase quase se fosse abituata,

chillu pezzullo, ca le spetta, ‘e Croce.

V. Fasciglione

L’angolo della Poesia

Llultemo – 2

nun appena veco ‘a luntano

‘stu ziracchio ch’aspetta, ‘a sera,

serio serio, pe’ vasà ‘a mano,

che vulite ca dint’a niente

se schiarisce ‘sta mala cera

e me scordo tutt’  ‘e turmiente.

Comm’  ‘e rrose songo ‘e ccriature,

ca s’arapeno albante juorno;

songo ‘o Sole ca luce attuorno;

songo ‘a luce d’  ‘e core ascure.

So’ prumesse ch’a gghjuorno a gghjuorno

se fanno sempe cchiù sicure…

Pe’ nnuje, viecchie, songo ‘o ritorno

d’  ‘e primm’anne, d’  ‘e primme sciure.

Nuie, vedennole, ce vedimmo

n’ata vota piccerenielle…

Mmiezo a lloro nuie ce sentimmo

turnà bbuone, turnà nnucente;

e strignenno chelli manelle

simme felice overamente.

Edoardo Nicolardi

L’angolo della Poesia

Llultemo

Chesta altezza: miezo varrile;

poco poco cchiù autulillo,

biondo, vispo, fino, gentile.

Si ‘o vedite quant’è carillo!

Mo’ ha fernuto quatt’anne: a Aprile;

ma che stoppa! ch’aruculillo!

‘Nu giudizio accussì suttile

ca maie pare nu piccerillo!

‘Na guardata chiara e ‘spressiva;

‘na resella ca va nu banco;

nu talento ca sa’ addò arriva!

Si ‘o vedite quanno cammina,

cu’ ‘na mano dint’  ‘a  ‘nu fianco,

ch’aria scònceca e malandrina!

Quanta vote ca me retiro

Stracquo e strutto – mannaggia ‘a morte -.

quanta vote ca stongo niro

pecchè ‘e ccose so’ ghiùte storte;

pecchè veco ca voto e giro

ma nun quaglia pe’ bbia d’  ‘a sorte

ca fino all’ultimo suspiro

me vo’ nchiudere tutt’  ‘e pporte;

Edoardo Nicolardi – continua domani

L’angolo della Poesia

A Piererotta

‘A sera ‘e Piererotta, ‘a int’ ‘e Lanzière,

‘A copp’ a na ventina ‘e palazzuole,

Vestute comme jeveno ‘e guarriere,

Partettero aunite; e a ccapa lista

Nce jeva ‘o figlio ‘e Rosa ‘ncopp’  ‘o ciuccio,

Cu nu castiello ncapo, ‘e cartapista.

Passajeno pe’ Tuleto, passe passe,

Sunanno trummettelle e siscarielle,

Tammore, putipù e scetavajasse.

Quann’arrivajeno nnant’ ‘o “Cambrinusso”

Fermàjeno e se cantajeno quatto vote

Na canzuncella ‘e Ferdinando Russo…

Ma quanno fuje vicino Piererotta

Penzajeno ‘e fa na guerra; e dopp’  ‘a guerra

Chiù d’uno se truvaje c’ ‘a capa rotta…

Currettero mazzate… quacche cosa

Peggio d’  ‘o Quarantotto! Pur’  ‘o ciuccio

Avette ‘a parta soja; e ‘o figlio ‘e Rosa,

Pe mezzo ‘e nu crisuommolo int’  ‘e rine,

Fuje carriato int’ a na carruzzella,

‘E pressa ‘e pressa, ‘ncopp’ ‘e Pellerine.

‘O rieste se turnajeno int’  ‘e Lanziere

‘e na manera ca, a vvederle sulo,

Parevano ‘a zuzzimma d’  ‘e guarriere!

P. Ponzillo

L’angolo della Poesia

‘A mundana – 3

Nun appena fuie ‘ncoppa ‘a Sezione,

se mettette alluccà comme a ‘na pazza.

‘E strille se sentevano a ‘o puntone.

“Ch’è stato, neh? Ched’è chisto schiamazzo?

Avanti, fate entrà sta… Capinera” –

dicette ‘o Cummissario a ‘nu piantone.

E ‘o milite, cu grazia e cu maniera,

‘a votta dinto cu ‘nu sbuttulone.

“Ah! Si’ tu?” – dicette ‘o funzionario –

“Si nun mme sbaglio, tu si’ recidiva?

Si’ cunusciuta ccà a Muntecalvario.

Addò t’hanno acchiappata, neh, addò stive?”

“All’angolo d’  ‘o vico ‘a Speranzella.

Steva parlanno  cu ‘nu marenaro,

quanno veco ‘e passà ‘na carruzzella

Cu’ dinto don Ciccillo ‘o farenaro.

Don Ciccio fa ‘nu segno: “Fuitenne!

Curre ca sta passando ‘o pattuglione”.

‘I dico a ‘o marenaro: “Iatevenne.

Stu brigadiere ‘o saccio… è ‘nu ‘nfamone”.”

“A legge è legge” – dice ‘o cavaliere -;

“nun aggio che te fa’, ragazza mia.

I’ te cunziglio: lassa stu mestiere,

e lievete pe’ sempe ‘a miezo ‘a via.”

“E che mme metto a ffa’, signore bello,

‘a sarta, ‘a lavannara, ‘a panettera?

Spisso mm’  ‘o sento chistu riturnello.

“E truòvete ‘nu posto ‘e cammarera!”

“Signò, dicite overo ‘o pure apposta?

Vulite pazzià? E nun è umano.

V’  ‘a mettìseve dinto ‘a casa vosta

chi… pe’ disgrazia ha avuta fa’  ‘a puttana?!”

Antonio De Curtis in arte Totò

Versione

La mondana (la puttana)

Non appena fu nel Commissariato,

si mise a strillare come una pazza.

Gli strilli si sentivano fino in cima.

“Cosa è stato, neh? Cos’è questo schiamazzo?

Avanti, fate entrare questa… Capinera” –

disse il Commissario ad un piantone.

E il militare con grazia e con maniere,

la spinge dentro con uno spintone.

“Ah! Sei tu?” – disse il funzionario –

“Se non mi sbaglio, tu sei recidiva?

Sei conosciuta qui a Montecalvario. (quartiere napoletano)

Dove ti hanno presa, neh, dove stavi?”

“All’angolo del vico Speranzella.

Stavo parlando con un marinaio,

quando vedo passare una carrozzella

Con dentro don Francesco il venditore di farina.

Don Francesco mi fa un segno: “Scappatene!

Corri che sta passando la volante.

Io dico al marinaio: Andatevene.

Questo brigadiere lo conosco… è un grande infame.”

“La legge è legge” – dice il commissario -:

“non ho che farti, ragazza mia.

Io ti consiglio: lascia questo mestiere,

e togliti per sempre da mezzo alla strada.”

“E che mi metto a fare, signore bello,

la sarta, la lavandaia, la panettiera?

Spesso me lo sento questo ritornello.

“E trovati un posto da cameriera!”

“Signore, dite sul serio o fate finta?

Volete giocare? E non è umano.

Vi mettereste dentro casa vostra

Chi… per disgrazia ha dovuto fare la puttana?!”

L’angolo della Poesia

‘A mundana – 2

Quase ogne ghiuorno, ‘a povera figliola

apprufittava ca ‘na carruzzella

a Nnapule scenneva d’Afragola

pe’  ‘nu passaggio fino ‘a Ruanella.

‘O nomme? Nun ‘o saccio.

Saccio sulo ca ‘e ccumpagne

‘a chiammaveno “’A pezzente”.

Pe’ sparagnà, ‘a sera, dduie fasule,

e, spisse vote, nun magnava niente!

Cu’ chelle ppoche lire ch’abbuscava

aveva mantene’ tutt’  ‘a famiglia;

e quanno ‘e vvote po’ … nun aizava,

steva diuno ‘o pate, ‘a mamma e ‘o figlio.

‘O pate, viecchio, ciunco … ‘into a ‘nu lietto

senza lenzòle, cu’  ‘na cupertella.

E ‘a mamma ca campava pe’ dispietto

d’  ‘a morte e d’  ‘a miseria. Puverella!

A piede ‘o lietto, dinto a nu spurtone,

‘na criatura janca e malaticcia,

pe’ pazziella ‘nmano ‘nu scarpone

e ‘na tozzola ‘e pane sereticcio.

Antonio De Curtis in arte Totò – Continua domani

Versione

La mondana (la puttana)

Quasi ogni giorno, la povera ragazza

approfittava di una carrozza (all’epoca la tratta era effettuata dai tram trainati dai cavalli)

che a Napoli veniva da Afragola

per un passaggio fino alla Doganella. (la strada che costeggia l’aeroporto di Capodichino)

Il nome? Non lo conosco.

So solo che le compagne

la chiamavano “La pezzente”.

Per risparmiare, la sera, due fagioli,

e molte volte, non mangiava niente!

Con quelle poche lire che guadagnava

doveva mantenere tutta la famiglia;

e quando poi le volte … non guadagnava niente,

stava a digiuno il padre, la madre e il figlio.

Il padre, vecchio, paralitico … dentro a un letto

senza lenzuola, con una copertina.

E la mamma che viveva solo per dispetto

della morte e della miseria. Poverina!

Ai piedi del letto, dentro a una grossa cesta,

una creatura bianca e malaticcia,

per giocattolo in mano aveva una pantofola

e un tozzo di pane raffermo.

L’angolo della Poesia

‘A mundana

“Cammina, su, non fare resistenza!”

Diceva ‘o brigadiere, e ‘a strascenava.

“Sta storia, adda fernì, è un’indecenza!”

“Chi sa c’ha fatto” – ‘a ggente se spiava.

“C’ha fatto?” – rispunnette ‘nu signore.

“E’ ‘na povera ddia… è ‘na mundana.”

“E ‘a porteno accussì? Gesù, che core!” –

murmuliaie Nannina “’a parulana”.

“Lassateme… nun aggio fatto niente!”

“E lass’  ‘a jì” – dicette ‘nu cucchiere –

“ma vuje ‘e vvedite quanto so’ fetiente?”

“Nce vo’  ‘nu core a ffa’ chillu mestiere.”

“Sta purtanno ‘o brigante Musolino” –

se mettette alluccà Peppe “’o Fravaglia”;

“Si ‘o ssape ll’’onorevole Merlini

‘o fa ‘a proposta p’  ‘o fa’ ave’  ‘a medaglia”.

Antonio De Curtis in arte Totò – Continua domani

Versione

La mondana (la puttana)

“Cammina, su, non fare resistenza!”

Diceva il brigadiere, e la trascinava.

“Questa storia deve finire, è un’indecenza!”

“Chissà che cosa ha fatto” – la gente si chiedeva.

“Che ha fatto?” – rispose un signore.

“E’ una povera diavola… è una puttana.”

“E la portano in questo modo? Gesù, che cuore!”

mormorò Nannina (diminutivo di Anna) “la fruttivendola”.

“Lasciatemi… non ho fatto niente!”

“E lasciala stare” – disse un cocchiere (conducente di carrozze)

“ma voi li vedete quanto sono fetenti? (cattivi)

“Ci vuole un cuore (coraggio) per riuscire a fare quel mestiere.”

“Sta portando il brigante Musolino” – (brigante storico noto per la sua ferocia)

si mise a strillare Peppe (Giuseppe) “il pescivendolo”

“Se lo viene a sapere l’onorevole Merlin (la firmataria della legge per l’abolizione delle case chiuse)

Lo propone per una medaglia”. (ironia napoletana nei confronti del brigadiere)

L’angolo della Poesia

‘E rrose

Signò nun ‘e tuccate cchiù ‘sti rrose

pecché nisciuno è degno d’ ‘e tuccà…

‘E rrose nun so’ comm’  ‘a ll’ati ccose,

so’ fatte sulamente p’  ‘e guardà.

I’ po’ mm’  ‘e guardo ‘int’  ‘o ciardino, ‘nfòse,

e v’assicuro ca fanno ‘ncantà

e penzo e ddico: ca so’ ppoche ‘e spose

ca ponno chesti rrose meie purtà.

Si ‘e ttocca, forze, quacche guagliunciello

che ffa – che ffa – è n’anema ‘nnucente;

ma nuie nun simme senza ‘o peccatièllo

pirciò nisciuno ‘e ccoglie e i’ so’ cuntento.

L. Esposito

Note e commenti alla Poesia

Immagini della Roma belliana – Un particolare dell’Atrio del Portico di Ottavia.

Note

  1. crature: creature, figli.
  2. mommò viè tata: fra un po’ viene papà.
  3. provedeteme: pensate a me, aiutatemi.
  4. viscere mie care: l’espressione corrispondente potrebbe essere “sangue del mio sangue”.
  5. accorata: ferita al cuore, disperata.
  6. Lui quarche… abbuscata: vostro padre (lui) certamente avrà guadagnato (abbuscata) un po’ di denaro.
  7. Pijeremo: prenderemo, acquisteremo.
  8. Si capissivo: se voi poteste capire.
  9. ojo: olio, per accendere il lume.
  10. nun mettete: non metterti, non stare.
  11. viè: vieni.
  12. t’ariscalla: ti riscalda.

Commento

Ancora un quadro tipicamente belliano, questo della “famiglia poverella”, con cui concludo la breve rassegna dei sonetti presentativi. Possiamo tuttavia trarre qualche considerazione di carattere generale.

Belli sembra voler capovolgere i naturali rapporti di forza fra le classi: è la plebe, dal fondo della piramide, che giudica chi sta sopra di lei.

Lo Stato teocratico si basa, per il poeta, sull’ingiustizia e sulla sopraffazione, la miseria è la condizione immutabile della plebe, eppure in questo misero stato essa è più buona, più umana, ed il giudizio sulle classi elevate, diretto o indiretto, è sempre feroce.

Così gli umili sono i giudici, sono seri nella loro misera condizione, nella loro spicciola filosofia, ed i potenti vengono coperti di ridicolo, ridotti a macchiette.

È un modo schietto ed autentico di ristabilire l’eguaglianza: se nella storia i rapporti di forza stabiliscono che il potente giudichi il plebeo, nella vita quotidiana descritta dal Belli è l’umile che veramente sa giudicare e comprendere la commedia spesso amara della vita.