SALUTE E BENESSERE

PIANTE OFFICINALI E INTEGRATORI NATURALI

PIANTE OFFICINALI

Boldo

Peumus boldus – parti usate: foglie

La boldina e la boldoglucina sono i principi attivi del boldo. L’effetto principale a loro attribuito è la capacità di variare le caratteristiche chimico fisiche (diminuzione della viscosità, minore concentrazione di sali biliari e di mucina) della secrezione biliare. Tale effetto determina un immediato miglioramento nell’insufficienza biliare, e nelle lievi disfunzioni del fegato. Tradizionalmente il boldo viene usato per superare le difficoltà nella digestione dei grassi (abbondanti fritture, pasti troppo conditi, ecc.).

Coadiuvante tradizionale per:

la digestione lenta e difficoltosa, le dispepsie e le insufficienze biliari.

PER SAPERNE DI PIU’ VISITA IL SITO: www.dna-solutions.it/cosimosaporito

PIANTE OFFICINALI E INTEGRATORI NATURALI

PIANTE OFFICINALI

BETULLA

Betula alba – parti usate: foglie

Le foglie di betulla, esercitano un effetto diuretico molto deciso agendo in maniera diretta sull’epitelio renale:

attivando la diuresi si ottengono risultati soddisfacenti sia nella cura degli edemi di origine cardiaca, sia nei casi di ritenzione idrica, sia nell’ipertensione.

L’azione decisa sull’eliminazione dei cloruri e degli urati previene la formazione dei calcoli renali. Inoltre, la betulla normalizza perdite di albumina nelle urine (albuminuria) ed esercita effetti benefici sul metabolismo dei lipidi e del colesterolo.

Coadiuvante tradizionale per:

la ritenzione idrica; la cellulite; l’iperazotemia e l’iperuricemia; la calcolosi delle vie urinarie; l’ipertensione.

BIANCOSPINO

Crataequs oxiacantha – parti usate: fiori

Dagli estratti di crataequs può essere ottenuta una sostanza (miscela di flavonidi) che si comporta come un glucoside cardioattivo e che esercita una notevole azione sul cuore e sui vasi. L’effetto cardiaco è così spiccato che il biancospino non solo riesce a regolarizzare l’attività cardiaca, ma abbassa la pressione arteriosa.

L’azione sedativa della pianta si manifesta in maniera decisa sull’eccitabilità del sistema nervoso e la sua somministrazione deprime la sensazione di angoscia, le vertigini e l’insonnia. Il biancospino è ben tollerato dall’organismo e non evidenzia alcun effetto secondario.

Coadiuvante tradizionale per:

l’ipertensione arteriosa, le aritmie cardiache, l’extrasistolia; l’ipereccitabilità nervosa, l’ansietà e l’insonnia.

PER SAPERNE DI PIU’ VISITA IL SITO: www.dna-solutions.it/cosimosaporito