La favola del giorno

Il Nano Giallo – 5

Il Re immobile, sbalordito, e al colmo della disperazione, era lì, costretto ad assistere a un così straordinario avvenimento senza poter far nulla per impedirlo, allorquando, per colmo di sventura, gli sembrò che i suoi occhi si velassero, non vide più la luce, e al tempo stesso si sentì sollevare nello spazio celeste da un essere misterioso dalla forza prodigiosa… Quante sciagure! Amore, o crudele Amore, è questo il modo di trattare quello che ti riconoscono per loro vincitore?

La perfida Fata del Deserto era venuta insieme al Nano Giallo a prestargli man forte per rapire la Principessa, ma non aveva ancora posato gli occhi sul bel Re delle Miniere d’Oro, che il suo barbaro cuore non aveva potuto resistere al fascino del giovane principe: senza pensarvi due volte lo rapì e lo portò in fondo ad un orribile spelonca ove lo legò con molte catene ch’erano attaccate alla roccia; ella sperava che la paura di una morte imminente gli avrebbe fatto presto dimenticare Tuttabella e lo avrebbe spinto ad assecondare i suoi desideri.

Arrivati alla spelonca, la fata gli rese la vista, senza però rendergli la libertà, e valendosi delle sue arti magiche per ottenere i vezzi e le bellezze che la natura le aveva negati ella gli apparve sotto il leggiadro sembiante di una ninfa capitata per caso in quei luoghi.

  • Cosa vedono i miei occhi? – ella esclamò. – Come, siete voi, amabile Principe; quale sciagura vi colpisce e vi trattiene in così triste luogo?

Il Re, ingannato da quelle mendaci apparenze le rispose:

  • Ahimè, mia bella ninfa, io non so a che cosa mira la furia infernale che mi ha condotto qui; ma, quantunque ella m’abbia tolto l’uso della vista, quando mi ha rapito, e che da allora non mi si sia mostrata, non ho esitato tuttavia a riconoscere dalla sua voce che si tratta della Fata del Deserto.
  • Ah, signore! – esclamò la falsa ninfa, – se siete caduto fra le mani di quella donna, voi non ne uscirete senza prima averla sposata; ella ha giocato un tiro simile a più di un eroe, e non esiste al mondo una persona più cocciuta nelle proprie idee.

Intanto ch’ella fingeva di prender viva parte al dolore del principe, egli scorse i piedi della ninfa, che erano simili a quelli di un grifone: era questo il segno da cui la fata si poteva riconoscere in tutte le sue varie metamorfosi; giacché, per quanto concerneva i piedi di grifone, lei non era in grado di cambiarli.

Il Re fece finta di nulla, e parlandone in tono confidenziale:

  • Io non ho nulla contro la Fata del Deserto, – disse, – ma non sopporto che ella protegga il Nano Giallo contro di me e mi tenga incatenato come un criminale. Cosa le ho fatto? Ho amato un’incantevole principessa, ma so benissimo che se la fata mi restituisce la libertà, la riconoscenza non tarderà a far sia che io dia a lei il mio amore.
  • Dite sul serio? – gli chiese la ninfa presa al laccio.
  • Certamente, – rispose il Re, – sono incapace di fingere, anzi vi confesso che una fata può lusingare maggiormente la mia vanità che non una semplice principessa; però, anche se dovessi morire d’amore per lei farei vista d’odiarla sino a quando non m’avesse ridato la libertà.

La Fata del Deserto, ingannata da queste parole, prese la decisione di portare il Re in un luogo altrettanto ameno quanto era tetra quella spelonca e quindi, invitandolo a salire nel suo cocchio, al quale aveva attaccato dei cigni al posto dei pipistrelli che abitualmente lo conducevano, ella si trasportò all’altro polo. Continua domani.

2 pensieri riguardo “La favola del giorno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.