Il Santo del Giorno

Beata Gemma

Nome: Beata Gemma

Titolo: Reclusa

Nascita: 1375 circa, San Sebastiano di Bisegna, Abruzzo

Morte: 1439 circa, Goriano Sicoli, Abruzzo

Ricorrenza: 13 maggio

Martirologio: edizione 2004

Tipologia: Commemorazione

Patrono di:Goriano Sicoli

Gemma era una reclusa a Goriano Sicoli, L’Aquila; le notizie della sua vita ci vengono da un antico manoscritto di questa chiesa, pubblicato per la prima volta nel 1673.

Anche altri autori ci hanno tramandato brevi racconti della sua vita. Condusse, per più di quarant’anni, un regime di vita penitenziale molto austero: occupava una cella adiacente alla chiesa di S. Giovanni Battista e attraverso una finestrella poteva vedere l’altare. Subito dopo la sua morte le furono attribuiti vari miracoli e, nel 1440, il vescovo di Sulmona riesumò il suo corpo trovandolo incorrotto.

La leggenda ci parla di lei come di una pastorella insidiata da un tal conte Ruggero del luogo; ella seppe resistere ai suoi malvagi propositi con tanta energia e determinazione che egli finì per costruirle la cella dove si stabilì.

Può darsi che questa storia sia stata messa in circolazione per spiegare la struttura inusuale della chiesa: in ogni caso, indipendentemente dalla veridicità di questo fatto, il suo culto fu approvato nel 1890.

MARTIROLOGIO ROMANO. In località Goriano Sicoli in Abruzzo, beata Gemma, vergine, che visse rinchiusa in una piccola cella accanto alla chiesa, da dove poteva vedere soltanto l’altare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.